3° Round WSK Super Master Series: Mini, Antonio Serravalle pole position

3° Round WSK Super Master Series: Mini, Antonio Serravalle pole position

HOT NEWS – TKART – WSK SUPER MASTER SERIES – Muro Leccese – Nella categoria Mini la pole è frutto di bravura, ma soprattutto di strategia. E’ infatti Antonio Serravalle (Tony Kart/LKE) a ottenere il miglior tempo. Tra pista asciutta… e bagnata.

Il pilotino italo-canadese, nel secondo raggruppamento, è uno dei pochi a optare per le gomme d’asciutto nonostante il tempo sembri dei peggiori e la pista sia ancora umida per la pioggerella caduta in precedenza. La pioggia, però, non torna sul tracciato di La Conca che, anzi, tende ad asciugarsi e Serravalle, al contrario degli altri, blocca il cronometro a 56.144. A ruota, nella stessa “batteria”, ci sono gli altri due piloti che non si sono fatti intimorire dalle nuvole: Nicola Abrusci (Tony Kart/Lke) e Michele De Luca (Top Kart/Comer), rispettivamente secondo e terzo. Dando uno sguardo alla classifica generale risultano dispersi il leader Makar Mizevych (Tony Kart/Lke) che arriva sedicesimo nel primo raggruppamento e Maciej Szysko (Kosmic/LKE). Il polacco, vincitore del primo round e quarto in classifica generale, fa ancora peggio arrivando diciassettesimo. Secondo tempo assoluto, invece, per Alexsander Bardas (Top Kart/Lke) che è stato il più veloce nei piloti scesi in pista per primi. Veloce sembra quasi un eufemismo avendo chiuso con 1.10.961, ma in questo raggruppamento nessuno ha avuto la lungimiranza/possibilità di azzardare le gomme d’asciutto.

Chiudiamo con Abdul Gafar Muizzudin (Hero/LKE), il porta colori della Gamoto aspira alla vittoria finale. Non va velocissimo, ma non è neanche indietro. Chiude con un dignitoso dodicesimo tempo, a giocarsi il titolo c’è anche lui.

Per vedere tutti gli alti tempi clicca qui.

Le prime posizioni della classifica generale:

1 – Makar Mizevych 112 punti

2- Nicola Abrusci 99 p.

3 – Abdul Gafar Muizzuddin 80 p.

4 – Maciej Szysko 68 p.

5 – Antonio Serravalle 61 p.

6 – Dennis Hauger 51 p.

7 – Christian Cobellini 48 p.

Per vedere la graduatoria completa clicca qui.