Due top-5 a Lonato per Parolin Motorsport

Due top-5 a Lonato per Parolin Motorsport

L’ultima parte della stagione si è aperta dal 17 al 19 settembre sul circuito di Lonato con la prima delle due prove della WSK Open Cup. La squadra ufficiale Parolin Motorsport aveva cambiato il suo aspetto per l’occasione e adattato le sue prestazioni per l’arrivo dei giovani piloti. Mentre Brando Badoer ha fatto il suo debutto nella KZ2, Enzo Deligny ha finito nella Top-5 OK-Junior appena davanti a Maksim Orlov, Christian Costoya ha brillato nella Top-5 Mini mentre il nuovo arrivato Dries Van Langendonck ha mostrato un grande potenziale.

“Lonato è stato un buon test per le prestazioni”, ha dichiarato Marco Parolin. “Abbiamo mostrato grande competitività nella Mini e nella Junior, ma anche nella KZ2 dove il nostro rookie ha mostrato una velocità molto buona. Sono lieto di vedere i nostri team clienti competitivi nella Mini e un numero crescente di piloti che ripongono la loro fiducia nel telaio Parolin. Nella OK-Junior, il risultato finale è stato influenzato dalla pioggia nelle prefinali, dove abbiamo sofferto e perso alcune posizioni. Ma il potenziale c’era con un podio a portata di mano, grazie alla velocità mostrata nelle manche e nella finale. Aver piazzato tre piloti tra i primi otto in una categoria così difficile è un motivo di orgoglio e un segno di regolarità in termini di performance.”

Brando Badoer ha fatto il suo debutto nella competizione KZ2. Notato per il suo terzo tempo in qualifica, ha incontrato alcune comprensibili difficoltà in gara, ma ha finito comunque con un onorevolissimo 18° posto in finale.

Rientrato alle competizioni dopo una pausa estiva, Enzo Deligny ha mostrato un’eccellente competitività conquistando il secondo posto nelle manche OK-Junior grazie a quattro vittorie e un miglior giro in gara. Settimo nella sua sua prefinale, ha lottato duramente nella Top-5 della finale e si è classificato quarto in campionato. Dopo il suo 41° tempo, Maksim Orlov è stato ritardato da due ritiri nelle manche. È stato durante la sua prefinale su una pista bagnata che è tornato davanti e la sua rimonta di sedici posizioni lo ha portato al quarto posto. Ha fatto ulteriori progressi sulla pista asciutta nella finale per raggiungere la sesta posizione. Anatoly Khavalkin ha recuperato 11 posizioni durante le manche di qualificazione grazie a tre Top-3 e due giri veloci. Ha iniziato bene sotto la pioggia nella sua prefinale, ma poi ha perso terreno. Grazie alla sua velocità in finale, Anatoly ha recuperato 21 posti in 17 giri e ha concluso in ottava posizione.

Guillaume Bouzar si è qualificato grazie a una rimonta di quindici posizioni nella prefinale, ma non ha raggiunto il traguardo della finale. Veloce in una classe dove ancora gli manca l’esperienza, René Lammers ha iniziato nella Top-10 delle qualifiche prima di ottenere un secondo posto e due Top-6 con un miglior giro nelle manche. Tuttavia, diversi incidenti hanno rallentato i suoi progressi e ha dovuto rinunciare durante la sua prefinale. Nel suo debutto nella classe OK-Junior, Matias Orjuela ha mancato di un soffio un posto nella finale tra i 34 finalisti.

Christian Costoya è stato ancora una volta uno dei protagonisti della Mini, che a Lonato schierava 101 partecipanti. Terzo nelle qualifiche, secondo al termine delle manche, ha poi vinto la sua prefinale. Ha partecipato alla lotta per la vittoria finale ed è arrivato quinto, conquistando così il quarto posto in campionato. Dries Van Langendonck ha impiegato poco tempo a trovare i suoi punti di riferimento con Parolin Motorsport. Due volte vincitore, due volte terzo e autore di un best lap nelle manche, ha incontrato problemi all’inizio della sua prefinale e si è qualificato a malapena con uno spoiler staccato. Molto determinato, ha fatto una finale impressionante conquistando l’ottavo posto con il miglior tempo e diciotto posizioni guadagnate. Oliver Kinnmark ha perso tempo nelle manche prima di rientrare in gioco nella prefinale e concludere la finale al diciassettesimo posto. Simas Baciuska si è qualificato per la finale grazie al suo grande sforzo in una prefinale bagnata e ha finito la sua gara in 29a posizione. Jack Illife ha mostrato un chiaro miglioramento durante le sessioni cronometrate e poi in due delle sue manche dove ha raggiunto la Top-3 e realizzato un best lap. Le nuove reclute della squadra hanno ampliato la loro esperienza internazionale con vari gradi di successo. Tra loro Alessandro Truchot, il cui miglioramento è stato straordinario.

Press Release © Parolin Motorsport