FIA Karting European Championship rd 2, Cremona: Finale KZ2 – Altra magia di Tom Leuillet, incoronato campione europeo

FIA Karting European Championship rd 2, Cremona: Finale KZ2 – Altra magia di Tom Leuillet, incoronato campione europeo

Pneumatici: LeCont

  • Come se non avesse ancora stupito abbastanza, Tom Leuillet (Leclerc by Lennox Racing – Birel ART – TM Racing) porta a termine la sua impresa in modo straordinario. Il portacolori del team Leclerc by Lennox Racing perde una posizione in partenza e si ritrova quarto, ma mantiene il sangue freddo e, dopo aver resistito con estrema freddezza alla pressione di Daniel Vasile (DR – DR – Modena Engines) nel corso dei primi giri, dà vita a una cavalcata trionfale. Il pilota francese sorpassa tutti i tre alfieri del team Birel ART Racing che lo precedono e si issa al comando al 16° giro, per poi involarsi verso la vittoria con tanto di giro veloce e tagliare il traguardo con più di un secondo e mezzo di vantaggio sul diretto inseguitore. Leuillet è l’unico pilota in grado di abbattere il muro dei 46 secondi sul giro secco e sembra guidare in un’altra dimensione, completando una serie di manovre che sono un perfetto connubio di foga e calma. Sebbene un quarto posto sia più che sufficiente per aggiudicarsi il campionato europeo, il giovane francese si mostra incredibilmente determinato e bissa il successo di Genk per mettere la ciliegina sulla torta e assicurarsi un titolo meritatissimo. Il nuovo campione europeo dà l’ennesima prova di forza dopo aver superato un lungo percorso di riabilitazione in seguito a uno spaventoso incidente avvenuto in una gara a Lonato ad aprile dell’anno scorso. Chapeau.
  • Merita grandi applausi anche Cristian Bertuca (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing), secondo sotto la bandiera a scacchi. Il portacolori del team Birel ART Racing sfila secondo in partenza grazie a un ottimo scatto, ma viene sorpassato da Leuillet al quinto giro. Il rookie esprime la propria lucidità e, quando il pilota francese infila Alessio Piccini (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing) per la prima posizione, è scaltro nell’approfittarne per riprendersi il secondo posto. Bertuca guadagna così un primo podio strepitoso in KZ2, alla sua seconda gara con un kart a marce, e fa sua la quarta piazza in campionato.
  • Terzo al traguardo è proprio un eccellente Alessio Piccini, che completa un podio firmato tutto Birel ART e agguanta la medaglia di bronzo in campionato. L’alfiere italiano parte forte dalla seconda casella in griglia e prende le redini della gara, ma è costretto a cederle quando viene attaccato da un indomabile Leuillet. Il portacolori del team Birel ART Racing accusa un calo di grip nella fase finale della corsa e soffre specialmente con le gomme posteriori, ma si dimostra comunque soddisfatto del risultato.
  • Chiude una finale notevole in quarta posizione Thomas Imbourg (CPB Sport – Sodi – Tm Racing), l’unico pilota in grado di insidiarsi tra il dominio Birel ART. Scattato sesto, l’alfiere del team CPB Sport sale in quinta piazza al sesto giro e si ritrova a più di un secondo da Moritz Ebner (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing), ma riesce a ricucire il gap e a sorpassare il portacolori del team Birel ART Racing all’ultimo giro. Imbourg centra così la top cinque in campionato.
  • Conclude la finale al quinto posto proprio Ebner. Il pilota italiano sembra partire forte dalla pole, ma rallenta nella seconda fase dello scatto e scivola terzo, dietro ai suoi due compagni di squadra, per poi subire l’attacco di Leuillet al terzo giro. L’alfiere del team Birel ART Racing perde la quarta posizione a pochi metri dalla bandiera a scacchi dopo aver involontariamente tamponato Piccini, che va sulla difensiva e, stringendo le traiettorie, esce più lento dalla quartultima curva. Ebner esprime la propria delusione a fine gara, ma termina comunque un weekend di altissimo livello.
  • Completano un weekend positivo e recuperano posizioni rispetto alla partenza anche Daniel Vasile (DR – DR – Modena Engines), sesto, Jean Luyet (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex), settimo, Michael Barbaro Paparo (IPK Official Racing Team – IPK – TM Racing), ottavo, Oscar Targett (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing), ottavo al traguardo ma retrocesso alla nona piazza da una penalità, e David Trefilov (Maranello SRP Factory Team – Maranello – TM Racing), decimo. La top ten è quanto basta al portacolori del Maranello SRP Factory Team per laurearsi vicecampione europeo. Il pilota tedesco ammette di non aver mai trovato un ottimo feeling con il circuito di Cremona e si accontenta della medaglia d’argento.
  • Chiudono la top 15 grazie a prestazioni convincenti Luigi di Lorenzo (Modena Kart – Birel ART – TM Racing), 11°, Michael Rosina (TBkart Racing Team – TB Kart – TM Racing), 12°, Alessio Baldi (CRG Racing Team – CRG – TM Racing), 13°, Giorgio Emiliano Carrara (Novalux – Lenzokart – LKE), 14°, e Jorge Pescador (CRG Racing Team – CRG – TM Racing), 12° al traguardo ma relegato al 15° posto da una penalità di cinque secondi causa musetto in posizione non corretta.
  • Si ritira un protagonista del weekend quale Tim Gerhards (CPB Sport – Sodi – Tm Racing). L’alfiere del team CPB Sport accusa una partenza difficile e rallenta altri due protagonisti quali Paavo Tonteri (CRG Racing Team – CRG – TM Racing) e Giuseppe Palomba (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing), che si ritrovano in fondo al gruppo e poi concludono rispettivamente in 16esima e 21esima piazza.
  • È una partenza complicata anche quella del poleman di venerdì Arvid Lindblad (SP Motorsport – KR – TM Racing). Al pilota del Red Bull Junior Team si spegne addirittura il motore ed è quindi costretto a rimetterlo in moto, per poi tagliare il traguardo al 29° posto. È una finale amara persino per Arthur Carbonnel (CPB Sport – Sodi – Tm Racing), che esce di scena mentre occupa la sesta posizione.

Risultati

Classifica Campionato

©Photo: Sportinphoto