La competitività di Birel ART meritava di più a Sarno

La competitività di Birel ART meritava di più a Sarno

Il terzo round del Campionato europeo FIA Karting OK e Junior si è svolto sulla nuova pista di Sarno con temperature superiori ai 30°C. Il team Birel ART Racing poteva sperare di fare bene nella OK con Tymoteusz Kucharczyk e nella Junior con William Macintyre. Anche se le cose non sono andate esattamente come previsto fino alle finali, Birel ART ha confermato il suo ritorno al top nelle categorie senza cambio.

“Sabato sera ero fiducioso che avremmo potuto puntare al podio in entrambe le categorie”, ha spiegato il Team Manager Riccardo Longhi. “La gara ha deciso diversamente. Kucharczyk ha perso qualche posizione all’inizio della finale della OK, ma non è stato drammatico per un pilota come lui. Sono molto deluso che il motore non abbia retto e che sia stato costretto al ritiro. Fortunatamente, Morgatto e Bertuca hanno realizzato delle belle rimonte. Nella OK-Junior, Macintyre ha avuto un’ultima manche difficile con uno spoiler staccato e ha dovuto partire più indietro del previsto per la finale. Nonostante tutto è riuscito a rientrare nella Top-10. I telai Birel ART sono stati molto efficaci. Non siamo riusciti a fare la differenza soprattutto dal punto di vista meccanico”.

Kucharczyk solido nella Top-4
Tymoteusz Kucharczyk ha dimostrato ancora una volta il suo potenziale e quello del suo telaio RK con motore TM Racing. Ha avuto più successo nelle qualifiche, dove era facile perdere il contatto. Si è classificato quarto, avendo realizzato il tempo più veloce nella sua serie con più di un decimo di vantaggio sul secondo. Ha poi fatto delle ottime manche, classificandosi sempre nella Top-3 e ottenendo anche una vittoria con giro più veloce. Dalla seconda fila della griglia di partenza nella finale, il giovane polacco aveva tutte le ragioni di sperare per il massimo. Il suo motore lo ha costretto al ritiro quando occupava la nona posizione.

Matheus Morgatto è riuscito a rimontare nove posizioni nel corso delle manche nonostante una penalità per spoiler. Sempre più efficace, ha riguadagnato altre dodici posizioni nella finale, terminando al decimo posto. Ritardato da un contatto nella sua ultima gara, anche Cristian Bertuca ha disputato una buona finale, tagliando il traguardo all’11° posto, com un guadagno di 12 posizioni, ma è stato poi classificato 14° a causa del suo spoiler, caduto durante una partenza complicata.

Macintyre rimonta nella Top-10 nella Junior
Molto rapido nel corso di tutto il week-end, William Macintyre ha vinto una manche e ha fatto segnare il miglior tempo in un’altra. Domenica, tuttavia, il suo kart sembrava meno competitivo. Ha perso terreno nella sua ultima manche e si è ritrovato al quindicesimo posto nella classifica provvisoria. Ha fatto uno sforzo notevole in finale per recuperare cinque posizioni e raggiungere il decimo posto.

Il team Birel ART Racing si concentrerà ora sulla preparazione dell’ultimo appuntamento europeo che si svolgerà tra meno di due settimane in Spagna sul veloce circuito di Zuera, partecipando sin dal prossimo week-end e sullo stesso circuito alla serie Champions of the Future.

Press Release © Birel ART