Vortex sfiora il titolo mondiale KZ a Le Mans

Vortex sfiora il titolo mondiale KZ a Le Mans

I motori RTZ e RSZ giungono a un passo dalla seconda vittoria consecutiva del FIA Karting World Championship riservato alla categoria KZ, dopo aver fatto registrare il miglior tempo in qualifica e la pole position nella finale.

KZ – Ottima partenza per i motori RTZ e RSZ di Vortex nel weekend francese, con ben tre piloti nelle prime tre posizioni nelle prove di qualificazione. Il campione del mondo in carica Noah Milell (Tony Kart Racing Team) batte tutti e conquista la pole position grazie al tempo record di 49.170 secondi, con i compagni di squadra Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team) e Lorenzo Camplese (Tony Kart Racing Team) rispettivamente secondo e terzo in classifica. Con un ruolino di marcia fatto di due vittorie e un secondo posto, Puhakka si issa al comando e con il seguente successo nella super heat si assicura la prima posizione della finale.

Al via della gara decisiva che assegna il titolo mondiale, Puhakka non sbaglia nulla e mantiene saldamente il comando, per poi assestarsi in seconda posizione. Nel frattempo, Milell emerge dalla quinta posizione di partenza e raggiunge velocemente i primi tre piloti in testa. Nella seconda metà della corsa, Milell guadagna il secondo posto e, nelle ultime tornate disponibili, cerca il varco per passare in testa. Alla fine, lo svedese taglia il traguardo in seconda posizione, vicinissimo al vincitore della prova. Puhakka, invece, conclude ai piedi del podio.

Tuukka Taponen (Tony Kart Racing Team), tra i più giovani piloti in gara, conclude il suo primo mondiale in KZ in nona posizione. Anche Adrien Renaudin (Tony Kart Racing Team) finisce in Top 10, mentre Juho Valtanen (Tony Kart Racing Team) sconta una penalità di 5 secondi per lo spoiler frontale in posizione non corretta. Infine, Camplese non porta a termine la finale, dopo aver collezionato uno sfortunato ritiro anche nella super heat a causa di un contatto con un altro concorrente.

KZ2 – Record di presenze nella categoria cadetta dei kart a marce, con ben 123 piloti iscritti. Ognuno dei partecipanti disputa sette manche e l’affidabilità diventa un elemento chiave per accedere alla finale. Samuel Luyet (Tony Kart Racing Team) evita ogni tipo di rischio e porta a casa una vittoria, quattro secondi e due quarti posti nelle qualifying heat, oltre a una seconda posizione nella super heat: con questi risultati, lo svizzero parte dalla prima fila in finale. Tuttavia, non riesce a esprimere al meglio il proprio potenziale. Al contrario, il giovane Norton Andreasson (Tony Kart Racing Team) cresce costantemente durante l’arco di tutto il weekend e, con una bella prova finale, agguanta il sesto posto. Jean Luyet (Tony Kart Racing Team), invece, infila una rimonta di 11 posizioni e termina nella Top 10.

KZ2 Masters – Esordio internazionale per la categoria riservata agli Over 35 della KZ2, con 64 partecipanti alla prima edizione del FIA Karting International Masters Super Cup. Grooten Bertrand (Claude Bal) inizia il weekend dal fondo della classifica, ma, grazie a una serie di valide prestazioni nelle qualifying heat, conclude la finale in Top 15. Sono 14 le posizioni guadagnate in classifica rispetto alla casella di partenza per Victor Jimenez (Tony Kart Racing Team), mentre sono 7 le posizioni che rimonta Eduardo Martins (Tony Kart Racing Team), affiancato dal fratello Andre Martins. Peccato per il ritiro di Roberto Profico (Tony Kart Racing Team), autore di un quarto posto nelle manche eliminatorie.

FIA Karting Academy Trophy – Con il terzo e ultimo round stagionale, il campionato monomarca (telai Exprit Kart e motori Vortex by OTK Kart Group) voluto dalla FIA per facilitare l’accesso al karting internazionale di giovani talenti di età compresa tra i 12 e i 14 anni (scelti dalle ASN dei propri Paese e provenienti da tutto il mondo) giunge alla conclusione. Tra i 47 partecipanti, la vittoria della finale e il titolo vanno nelle mani di Arthur Dorison (Francia), mentre Mark Dubnitski (Estonia) e Nando Weixelbaumer (Austria) concludono rispettivamente secondo e terzo nella gara francese.

Press Release © OTK Kart Group