WSK CHAMPIONS CUP: I RISULTATI DELLE PREFINALI

WSK CHAMPIONS CUP: I RISULTATI DELLE PREFINALI

HOT NEWS – TKART —

Le prime Pre Finali sono quelle della Mini. Nei più giovani in pista, in questo week end a Muro Leccese, è Giuseppe Fusco (LenzoKart/LKE) a conquistare la prima fila grazie alla vittoria nella Pre Finale A. Il pilota conferma la velocità sorprendente vista nelle manche. Nell’altra Pre Finale è invece Dmitrii Bogdanov (Tony Kart/LKE) a vincere, la sua è una prestazione più che positiva visto il recupero di 3 posizioni rispetto alla partenza.

In KF è bellissima la lotta nella Pre Finale A dove Nicklas Nielsen (Kosmic/Vortex) e Julien Darras (Kosmic/Vortex) danno vita a una sfida incredibile, parte prima il danese, viene infilato dal francese che, a sua volta, riperde la posizione e poi a 3 giri dal termine riesce nell’impresa di tagliare per primo il traguardo. Dietro Egor Stupenkov (Enrgy/TM), il russo è un diesel non era partito bene nel corso del week end, ora è lì a un passo dai più veloci. Quarto Leonardo Pulcini (Tony Kart/Vortex), il vicecampione del mondo KFJ, riesce anche a essere terzo in un parte di gara (parte quinto) poi non regge il ritmo e si deve accontentare di un quarto posto finale che comunque è un risultato soddisfacente. Nell’altra finale invece Alessio Lorandi (Tony Kart/TM) fa “la” gara. Il pilota della Baby Race ha una marcia in più ma, sorpasso dopo sorpasso, guadagna il primo posto che, visto quanto voglia di vincere ha in corpo, sembra un risultato quanto mai meritato. Dietro di lui Martijn Van Leeuwen (Zanardi/Parilla). Terzo Karol Basz (Tony Kart/Vortex) che è stato anche in testa per una parte della gara.

Nella prima Pre Finale KFJ succede di tutto. Cominciamo con Tommaso Mosca (Tony KArt/TM), un pilota privato, che partendo dall’ottava fila fa qualcosa di pazzesco riuscendosi a trovare primo fino ad un giro dal termine. Dietro di lui però c’è Mick Junior (Tony Kart/Vortex) che ci crede e proprio in uno degli ultimi tornanti conclusivi riesce a passarlo andando a vincere. Da una bandiera a scacchi a  una nera. Giuliano Alesi (Tony Kart/TM) quarto per le prime battute della corsa, viene prima richiamato ai box dai giudici e mostrata la sventolante squalifica, il motivo è una plancia che si stacca durante la corsa. Terzo Max Fewtrell (FA Kart/Vortex), era stato il più veloce fin qui. In pista, questa volta, è sfortunato poichè coinvolto in una bagarre iniziale che lo fa scivolare al decimo posto. Parte una rimonta che lo fa chiudere terzo a soli 0.177 dalla testa. Infine Leonardo Lorandi (Tony Kart/TM) non finisce la gara a causa di un’incidente, anche lui la finale la vedrà dalla tribuna.

La Pre Finale B fa invece vittime illustri.Vince Ahmed (FA KART/Vortex), secondo Ticktum (Zanardi/Parilla) e terzo Matvey Maslov (Zanardi/Parilla). A un giro dal termine Logan Sargeant (Tony Kart/Vortex) va a sbattere fuori dal tracciato, era terzo e per una disattenzione rovina una gara molto buona. Chi anche non sarà in finale è Laliberte (Tony Kart/TM), le manche non erano andate male e avevano fatto ben sperare, nella corsa che conta è però immischiato nel mezzo e non ne esce fuori, finisce ventiquattresimo. Altro pilota a stelle e strisce che nel fine settimana aveva stupito, ma mancherà nella finale è Correa (Energy/TM) che non riesce andare oltre al diciannovesimo posto. Chi in finale ci sarà, ma ha rischiato non poco è Lorenzo Travisanutto, vincitore anche di una manche, chiude in quindicesima posizione ma fino a due giri dalla conclusione era il primo degli esclusi.

Colpo di scena nella prefinale KZ2 che vede il ritiro per guasto tecnico di due protagonisti di tutto il weekend: Marco Ardigò (Tony Kart/Vortex) e Patrick Hajeck (Praga Kart/IAme). I due – che ahnno anche occupato la seconda posizione in gara – partiranno dal fondo in finale. Peccato. Là davanti, in prima posizione, si conferma invece Jonathan Thonon (Praga Kart/Iame). Che al cannibale sia tornata la fame? A sorpresa lo segue Jeremy Iglesias (Lenzokart/LKE), sempre ai vertici per tutto il weekend, ma mai capace di prendersi la prima posizione come è accaduto anche in questa prefinale. Ben Hanley (ARTGP/TM) riesce a portarsi sul terzo gradino dell’immaginario podio della prefinale dopo una lotta serratissima con i suoi compagni di viaggio di tutta la prefinale: Jorrit Pex (CRG/TM) e Riccardo Negr (Top Kart/TM), che arrivano nell’ordine alle sue spalle. Recuperano bene Rick Dreezen (Zanardi/PArilla) e Mirko Torsellini (ARTGP/TM), che guadagnano  rispettivamente 9 e 12 pisizioni rispetto allo start e chiudono 7° e 8°. Davanti a loro in sesta piazza Douglas Loundberg (Alpha/TM). Mai in gara per le prime posizioni il poleman di venerdì e assoluto protagonista delle manche, Flavio Camponeschi (Tony Kart/Vortex) che chiude solo nono. Riscattarsi, partendo coì indietro in finale, sarà dura.