WSK CHAMPIONS CUP: KF e MINI, LE MANCHE DI SABATO

WSK CHAMPIONS CUP: KF e MINI, LE MANCHE DI SABATO

wsk-champions-cup-manche-sabato-KF-Nielsen

La KF e la Mini sono le uniche categorie, qua a La Conca, ad aver terminato le manche. Domani sarà, infatti, tempo solo di prefinali e finali. Le gare sono state decisamente ricche di colpi di scena: squalifiche, testacoda e una buona dose di pioggia ad alimentare un avvincente spettacolo
.

KF

Cominciamo con i due pole man delle prefinali di domani: Nicklas Nielsen (Kosmic/Vortex) e Karol Basz (Tony Kart/Vortex). Il danese è sempre arrivato nei primi tre, vincendo due volte. Un risultato quanto mai meritato, poco altro d’aggiungere. Il polacco, invece, ha vinto una sola volta, ma la continuità con la quale ha disputato le altre manche gli ha permesso di raggiungere il secondo posto nella classifica intermedia: un premio alla costanza.

A seguire i nomi che già ieri erano al vertice della categoria da Ollie Norris (FA Kart/Vortex) a Callum Ilott (Zanardi/Parilla), con subito dietro Julien Darras (Kosmic/Vortex) e Tom Joyner (Zanardi/Parilla) capace anche di conquistare l’ultima manche con una bella vittoria. Eccellente la rimonta del russo Egor Stupenkov (Energy/TM), partiva dalla quarantesima posizione è risalito fino alla settima. Buoni anche i piazzamenti di Leonardo Pulcini (Tony Kart/Vortex). Il pilota della Morsicani Racing ha avuto una lunga pausa invernale a causa di un forte dolore alle costole che l’ha tenuto lontano dalla pista per tutto l’inizio di stagione (quando gli altri facevano i primi test di assuefazione alla nuova categoria). Era fuori allenamento, così si diceva, e soprattutto è al suo primo anno in KF. Il risultato è invece una nona posizione che non preclude il poter migliorarsi ancora.

L’altro “novello” è Alessio Lorandi (Tony Kart/TM) che qua si presente con i gradi di campione del mondo KFJ. Il suo titolo pesa è, infatti, va veloce facendo una terza manche stellare dove il bagnato esalta molte delle sue caratteristiche (rifila oltre 15 secondi al secondo in 12 giri di manche!). Peccato solo per una squalifica (taglio della pista nel giro di lancio…), proprio nella sua gara migliore, che gli fa prendere il massimo della penalizzazione. Alla fine ottiene comunque una dignitosissima dodicesima posizione.

Discorso simile, a quello dell’italiano della Baby Race, si potrebbe fare per Nikita Mazepin (Tony Kart/Vortex) anche lui squalificato in una manche (taglia la pista dopo il via per riprendere la sua posizione, dopo un testacoda causato da una spinta di un avversario) che vanifica le sue buone prestazioni. Il russo partirà dalla quarta fila della prefinale B per quindicesimo posto ottenuto in classifica. Chi fa parecchi passi indietro è il brasiliano Sette Camara Sergio (ART GP/TM) era decimo nelle prove di qualificazione, finisce ventiseiesimo. Peccato, aveva anche fatto una buona prima manche.

Ultima considerazione la concediamo a Lando Norris (FA Kart/Vortex), l’inglesino sarà in quinta fila. Patisce la categoria e non poco nelle prove di qualificazione. Non è ancora al livello dei migliori, ma nelle manche porta a casa un sesto e un quarto posto. Peccato solo per la sua seconda gara, nella quale non prende il via. In ogni caso ricordiamo che corre con una frattura al polso destro, diamogli tempo.

MINI

I dominatori delle manche sono Giuseppe Fusco (Lenzokart/LKE) del team ufficiale Lenzokart e Luigi Coluccio (Top Kart/LKE) del Jolly Team. Alle loro spalle seguono Macieji Szyszko (Kosmic/LKE) di Speedkart, Mehmet Dalkiran (Top Kart/Parilla) di Giuliano Kart. La classe Mini, come sempre, è molto combattuta e vede punteggi, nella classifica intermedia, molto ravvicinati. Per i dettagli della graduatoria, cliccate sul link sottostante.

Qui tutti i risultati della KF e della MINI di sabato 1 marzo 2014