WSK Euro Series rd 2, Adria: Finale OKJ – Slater si prende di forza un altro successo

WSK Euro Series rd 2, Adria: Finale OKJ – Slater si prende di forza un altro successo
Pneumatici: Vega
  • Sempre al vertice nel corso di tutto il weekend, Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic – Vortex) piazza la zampata vincente in finale. Dopo aver trionfato anche in prefinale, il campione del mondo in carica scatta dalla seconda casella in griglia e si porta al comando della corsa già al secondo giro, per poi cominciare a fare ciò che sa fare meglio: martellare. L’alfiere di Ricky Flynn Motorsport non cede alla pressione del suo diretto inseguitore e porta a casa un successo che lo fa salire al secondo posto nella classifica provvisoria del campionato. 
  • A soli quattro decimi da Slater taglia il traguardo un sorprendente Mark Kastelic (Forza Racing – Exprit – TM Racing). Partito quarto e sfilato sesto, il pilota sloveno passa secondo nel corso del settimo giro e sembra addirittura poter attaccare Slater, ma poi deve accontentarsi della medaglia d’argento.
  • Sul terzo gradino del podio sale un altro portacolori di Ricky Flynn Motorsport, Enea Frey (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic – Vortex), che conclude così un ottimo weekend.
  • Guadagna cinque posizioni rispetto alla partenza Kirill Kutskov (KR Motorsport – KR – IAME), che termina quarto e si conferma un protagonista della categoria. Subito dietro di lui arriva Harley Keeble (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex), che dopo aver vinto la sua prefinale ed essere scattato dalla pole fatica a trovare il passo su una pista decisamente più lenta rispetto alla mattinata. In ogni caso, considerando anche il secondo posto ottenuto al primo round di Lonato, l’alfiere del Tony Kart Racing Team guadagna la leadership provvisoria del campionato. 
  • Buona performance anche per il compagno di squadra di Keeble, James Egozi (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex), che chiude al sesto posto un weekend positivo. Un po’ meno roseo il bilancio di Alex Powell (KR Motorsport – KR – IAME), che perde due posizioni rispetto alla partenza e conclude settimo. 
  • Il pupillo Mercedes precede la coppia Parolin formata da Enzo Deligny (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing) e Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing), che recuperano entrambi tre posizioni rispetto alla partenza. Ne recupera sei Gustaw Wisniewski (Sauber Orlen Karting Team – KR – IAME), che chiude la top ten.
  • Il fresco vincitore del secondo appuntamento del campionato europeo OKJ Matheus Ferreira (KR Motorsport – KR – IAME) taglia il traguardo in settima piazza, ma viene poi retrocesso all’11esima da una penalità di cinque secondi causa spoiler anteriore in posizione non corretta. 
  • Dopo aver dominato sia la giornata di venerdì sia quella di sabato, il poleman David Walther (Koski Motorsport – Tony Kart – Vortex) scivola indietro in prefinale, che termina al decimo posto. In finale, l’alfiere di Koski Motorsport sigla il giro più veloce in gara, a riprova della sua competitività, ma non va oltre la 15esima posizione. 
  • Dopo il podio conquistato al primo round, Francesco Marenghi (Team Driver Racing Kart – KR – IAME) taglia il traguardo in 15esima piazza, per poi essere retrocesso alla 18esima a causa di una penalità di cinque secondi per lo spoiler anteriore in posizione non corretta. L’alfiere del Team Driver Racing Kart si ritrova quindi nono in campionato. È invece costretto al ritiro il vincitore del primo round Rashid Al Dhaheri (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing), che scivola al terzo posto in campionato.

Risultati

Classifica campionato

©Photo: Sportinphoto