WSK Final Cup, Adria: heats – I leader sono Celenta (KZ2), Tsolov (OK), Khavalkin (OKJ) e Pesl (MINI)

WSK Final Cup, Adria: heats – I leader sono Celenta (KZ2), Tsolov (OK), Khavalkin (OKJ) e Pesl (MINI)

Prosegue l’attività in pista per la WSK Final Cup, ultimo appuntamento stagionale, sul circuito Adria Karting Raceway di Adria. Dopo la prima giornata di venerdì, in cui si sono svolte le qualifiche e le prime manche eliminatorie, nella giornata di sabato si sono disputate tutte le rimanenti heat per le quattro categorie presenti in gara: KZ2, OK, OKJ e MINI. Si sono quindi decise le griglie di partenza per le prefinali di domenica.

KZ2: Monologo di Francesco Celenta

Pneumatici: Vega
  • Francesco Celenta (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing) è il mattatore assoluto delle manche. Il poleman di venerdì domina tutte le sue tre gare, rimanendo al comando ogni singolo giro. L’alfiere del team Parolin Motorsport guadagna così la partenza dalla pole per la Prefinale A di domani, giornata in cui si presenterà da indiscusso favorito.
  • Secondo in classifica generale grazie a un secondo posto e due vittorie è Stan Pex (SP Motorsport – KR – TM Racing), che scatterà quindi primo nella Prefinale B. Nonostante una partenza difficile lo veda scivolare dalla prima posizione alla quarta, il portacolori del team SP Motorsport riesce a recuperare e a vincere la sua seconda manche con tanto di giro veloce, dimostrandosi il pilota più competitivo insieme a Celenta.
  • Percorso eccellente anche quello di Lorenzo Travisanutto (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing). Dopo aver vinto la sua prima manche, il fresco campione della FIA Karting International Super Cup termina le sue rimanenti due batterie in seconda piazza, ottenendo così la terza posizione assoluta.
  • Norton Andreasson (Ward Racing – Tony Kart – Vortex) si conferma ai vertici della classifica con una costanza notevole. Grazie a due terzi posti e un secondo, il pilota svedese si ritrova quarto totale. È costante anche il suo compagno di squadra Markus Kajak (Ward Racing – Tony Kart – Vortex), che conclude tutte le sue tre manche in quarta piazza e si aggiudica così la settima posizione assoluta. A dividerli ci sono altri due protagonisti del weekend: Daniel Stell (NB Motorsport – Luxor – TM Racing) e Kris Haanen (SP Motorsport – KR – TM Racing).
  • Ottavo in classifica generale è Danilo Albanese (KR Motorsport – KR – IAME), che guadagna tre posizioni rispetto alla qualifica. Dopo essere scivolato dal sesto posto al decimo nel corso del primo giro, l’alfiere del team KR Motorsport recupera tre posizioni nella sua seconda manche per tagliare il traguardo in settima piazza con tanto di giro veloce. Con un terzo posto e un secondo nelle sue altre due heat, Albanese si presenterà domani come uno dei piloti più veloci.
  • Completano la top ten grazie a ottime performance Paul Rieberer (Birel ART Racing KSW – Birel ART – TM Racing) e Genis Civico (DPK Racing – KR – IAME).
  • Dopo aver ottenuto il nono miglior tempo assoluto in qualifica, Iaroslav Shevyrtalov (Team Komarov – Tony Kart – TM Racing) scivola in 15esima posizione totale, rallentato da un ritiro nella sua ultima manche a causa di un contatto avvenuto mentre si trovava in quarta piazza.

Risultati

OK: Nikola Tsolov fa tripletta e mantiene la leadership

Pneumatici: LeCont
  • Nikola Tsolov (DPK Racing – KR – IAME) pare semplicemente imprendibile. Il poleman di venerdì ribadisce la propria competitività e vince tutte le sue tre manche con più di un secondo di vantaggio sul diretto inseguitore, aggiudicandosi così la partenza dalla pole per la Prefinale A di domani.
  • Al secondo posto in classifica generale c’è Rafael Camara (KR Motorsport – KR – IAME), che partirà quindi davanti a tutti nella Prefinale B. Il campione della WSK Super Master Series taglia il traguardo della sua prima manche in seconda piazza, ma viene poi retrocesso alla quinta da una penalità di cinque secondi causa musetto in posizione non corretta. Con un altro quinto posto e un secondo nelle sue ultime due heat, la nuova recluta della Ferrari Driver Academy si conferma un assoluto protagonista.
  • Matheus Ferreira (KR Motorsport – KR – IAME) prosegue nel suo eccellente debutto in OK. Nella sua seconda manche, il pilota brasiliano scatta molto bene dalla quarta casella in griglia e si porta in seconda posizione, mantenendola fino alla bandiera a scacchi, salvo poi essere retrocesso alla quinta piazza da una penalità di tre secondi. Un terzo posto e un quinto nelle sue altre due heat gli permettono di issarsi in terza posizione assoluta.
  • Bilancio più che positivo anche per Joel Bergstrom (Forza Racing – Exprit – TM Racing), che guadagna la quarta piazza in classifica generale grazie a un terzo posto, un quarto e un sesto nelle sue tre manche. L’alfiere del team Forza Racing è appena davanti a un notevole Karol Pasiewicz (Ward Racing – Tony Kart – Vortex), che recupera otto posizioni rispetto alla qualifica.
  • Procede in modo incoraggiante anche il weekend di Akshay Bohra (KR Motorsport – KR – IAME), che si conferma ai vertici della classifica con la sesta piazza assoluta. Il portacolori del team KR Motorsport precede i suoi compagni di squadra Giovanni Trentin (KR Motorsport – KR – IAME) e Arvid Lindblad (KR Motorsport – KR – IAME). Il campione della WSK Euro Series si ritira nella sua prima manche in seguito a un contatto alla prima curva, ma domina le sue altre due heat. Essendo uscito di scena proprio nell’unica batteria in cui poteva avere il confronto diretto con Tsolov, è rimandata a domani l’attesissima sfida tra l’alfiere bulgaro e il pilota del Red Bull Junior Team, che sembra l’unico in grado di poter impensierire il poleman.
  • Completano la top ten grazie a ottime performance Flavio Olivieri (Praga Racing Team – Praga – IAME) e Kiano Blum (KR Motorsport – KR – IAME), che guadagna ben sette posizioni rispetto alla qualifica.
  • 11esima piazza assoluta per Gustaw Wisniewski (Sauber Orlen Karting Team – KR – IAME), che si ritira nella sua prima manche in seguito a un contatto alla prima curva, ma chiude le sue altre due heat in seconda posizione. L’alfiere del team Sauber Orlen Karting Team è l’unico che riesce a mettere le ruote davanti a Tsolov in una batteria, ma resiste solo un paio di giri.
  • A seguire Wisniewski ci sono Juliano Holzem (CV Performance Group – KR – IAME), Maxim Rehm (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic – Vortex) e Alex Powell (KR Motorsport – KR – IAME). Il talento in orbita Mercedes vince in modo sorprendente la sua prima manche e termina quarto nella sua terza heat, ma accusa un problema nella sua seconda batteria. Difatti, dopo essere scattato bene dalla seconda casella in griglia, Powell è costretto a fermarsi perché esce molto lentamente dalle curve. Il pilota giamaicano riesce a ripartire, ma con un giro di svantaggio.
  • Felix Arnold (CV Performance Group – KR – IAME) completa la top 15 grazie a prestazioni convincenti ed è appena davanti a Kean Berta Nakamura (Forza Racing – Exprit – TM Racing). Il fresco campione del mondo OKJ si ritira nella sua prima manche in seguito a un contatto alla prima curva, per poi concludere la sua seconda heat al secondo posto e la sua terza in terza piazza.
  • Perdono alcune posizioni rispetto alla qualifica Zachary David (Sauber Orlen Karting Team – KR – IAME), 17° e penalizzato da un ritiro, e Krozser Menyhert (Kosmic Racing Department – Kosmic – Vortex), 19°.

Risultati

OKJ: Un impressionante Anatoly Khavalkin fa l’en plein

Pneumatici: Vega
  • Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing) aveva già dimostrato di essere in forma ieri con il primo tempo di gruppo e il secondo assoluto, ma un completo dominio nelle manche era difficilmente pronosticabile. Eppure l’alfiere del team Parolin Motorsport vince tutte le sue heat, resistendo in modo impeccabile alla pressione dei suoi avversari e guadagnandosi così la partenza dalla pole per la Prefinale A di domani.
  • David Walther (Koski Motorsport – Tony Kart – Vortex) esprime tutta la sua maturità con un percorso costante nelle sue cinque manche, che conclude tutte tra i primi tre, vantando persino due vittorie. Il pilota danese si porta in seconda piazza in classifica generale e scatterà dalla prima casella in griglia nella Prefinale B.
  • È estremamente costante anche Tomass Stolcermanis (Energy Corse – Energy Corse – TM Racing), che ribadisce la propria competitività con quattro secondi posti e un terzo, conquistando così la terza posizione totale. Il portacolori del team Energy Corse è spesso in scia a Khavalkin e sferra persino qualche attacco, ma non riesce a batterlo.
  • Quarta piazza assoluta per un eccellente Sebastiano Pavan (Team Driver Racing Kart – KR – IAME), che si conferma molto incisivo sul circuito di Adria con tre secondi posti e due quarti. L’alfiere italiano precede Enzo Deligny (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing), altro grande protagonista della categoria e vincitore di una manche. Il pilota del team Parolin Motorsport guadagna sette posizioni rispetto alla qualifica ed è appena davanti a uno straordinario Gerasim Skulanov (CRG Racing Team – CRG – IAME). Il giovane rookie agguanta due secondi posti e tre quinti, che lo issano alla sesta piazza in classifica generale.
  • Bilancio positivo anche per il campione della WSK Super Master Series Rashid Al Dhaheri (KR Motorsport – KR – IAME), che vince la sua prima manche e sale al settimo posto assoluto, appena davanti a Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic – Vortex). Il campione del mondo 2020 trionfa in ben due batterie, ma in una heat si tocca con Maksimilian Popov (Ward Racing – Tony Kart – Vortex) nella lotta per la vittoria e i due chiudono rispettivamente in ottava e 11esima posizione. Slater viene poi retrocesso alla sedicesima piazza da una penalità di cinque secondi causa musetto in posizione non corretta. La manche in questione è l’unica in cui è stata messa in discussione la leadership di Khavalkin, che però è stato abile nel rispondere agli attacchi subiti per portarsi a casa l’ennesimo successo.
  • Completano la top ten assoluta grazie a ottime performance Rene Lammers (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing) e Marcus Saeter (Ward Racing – Tony Kart – Vortex). Il portacolori del team Ward Racing si mostra particolarmente veloce, vincendo una manche e siglando il giro veloce in ben tre heat, ma nella sua ultima batteria viene retrocesso dal terzo posto al 13° da una penalità di dieci secondi.
  • 11° in classifica generale è un sorprendente Lucas Fluxa (KR Motorsport – KR – IAME), che guadagna quattro posizioni rispetto alla qualifica e precede Kirill Dzitiev (Ward Racing – Tony Kart – Vortex). Dopo il terzo posto ottenuto nella sua prima manche, il poleman di venerdì vince la sua seconda heat al termine di un duello spettacolare con Slater, ma viene successivamente retrocesso di una posizione causa manovra scorretta. Complicazioni anche nella sua terza batteria, in cui è costretto al ritiro a causa di un problema tecnico mentre si trova in seconda piazza. L’alfiere del team Ward Racing conclude la giornata su una nota positiva con due successi.
  • Chiudono la top 15 Konstantin Krapin (Leclerc by Lennox Racing – Birel ART – TM Racing), Lenn Nijs (Team Driver Racing Kart – KR – IAME) e Maksimilian Popov, che vince una manche, ma viene rallentato da un ritiro nella sua ultima heat mentre occupa la quarta posizione.
  • Perdono alcune posizioni rispetto alla qualifica Andres Cardenas (Energy Corse – Energy Corse – TM Racing), 17°, e Tiziano Monza (Sauber Orlen Karting Team – KR – IAME), 19°.

Risultati

MINI: Jindrich Pesl prende le redini

Pneumatici: Vega
  • A emergere tra i 126 pilotini è Jindrich Pesl (Babyrace Driver Academy – Parolin – IAME). Grazie a tre vittorie, due secondi posti e un terzo, l’alfiere della Babyrace Driver Academy si porta al comando della classifica generale e guadagna così la partenza dalla pole per la Prefinale A di domani.
  • Dopo aver trionfato alla Winter Cup, Elliot Kaczynski (Ward Racing – Tony Kart – TM Racing) continua a sorprendere. Il pilota del team Ward Racing vince ben quattro manche e conquista così la seconda piazza assoluta, che gli varrà la partenza dalla prima casella in griglia nella Prefinale B.
  • Recupera 21 posizioni rispetto alla qualifica uno straordinario David Cosma-Cristofor (Gulstar Racing – KR – IAME), che ottiene la terza piazza totale grazie a due vittorie, tre terzi posti e un quinto.
  • Guadagna dieci posizioni rispetto alla qualifica anche Christian Costoya (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing), che si ripresenta ai vertici della classifica. Il campione della WSK Euro Series vince due manche e si ritrova quarto assoluto, appena davanti al campione della WSK Open Cup Niklas Schaufler (Emme Racing – EKS – TM Racing). Il poleman trionfa in una heat e rimane tra i primi quattro in tutte le altre.
  • Sesto assoluto è un impressionante Oliver Palocko (Babyrace Driver Academy – Parolin – IAME), che recupera ben 27 posizioni rispetto alla qualifica. L’alfiere della Repubblica Ceca precede un eccezionale Zdenek Babicek (Tepz Racing Team – Parolin – TM Racing), che si conferma tra i migliori e vince anche due manche. Ottime performance anche quelle di Luna Fluxa (Team Driver Racing Kart – KR – IAME), ottava in classifica generale.
  • Completano la top ten Kilian Josseron (Team Driver Racing Kart – KR – IAME) e Bogdan Cosma-Cristofor (Gulstar Racing – KR – IAME), autori di un percorso molto positivo e appena davanti a un solido Scott Lindblom (Gamoto – EKS – TM Racing).
  • 12° assoluto è Iacopo Martinese (Babyrace Driver Academy – Parolin – IAME). Il pilota italiano si aggiudica due vittorie e tre secondi posti, ma è coinvolto in un contatto a poche curve dal termine della sua ultima manche mentre si contende il successo e chiude solo 26°. Il portacolori della Babyrace Driver Academy precede Dries Van Langendonck (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing), vincitore di una heat. L’alfiere del team Parolin Motorsport trionfa anche in un’altra batteria, ma una penalità di cinque secondi causa musetto in posizione non corretta lo fa scivolare addirittura fino alla 17esima piazza.
  • Vince addirittura due manche Jensen Burnett (Energy Corse – Energy Corse – TM Racing), ma una penalità di cinque secondi nella sua quinta heat lo fa retrocedere dalla quinta piazza alla 16esima. Il pilota canadese si ritrova così 14° assoluto, appena davanti a Emanuele Olivieri (Formula K Serafini – IPK – TM Racing), che guadagna 12 posizioni rispetto alla qualifica, e a Dean Hoogendoorn (Kidix – Alonso Kart – IAME), che vince una batteria, ma viene retrocesso alla 19esima piazza da una penalità di dieci secondi.
  • Perdono posizioni rispetto alla qualifica Filippo Pancotti (AVracing – Parolin – TM Racing), Cristian Tonalini (MLG Racing – Parolin – TM Racing), Vladimir Ivannikov (Formula K Serafini – IPK – TM Racing) e Mattia Padoan (Team Driver Racing Kart – KR – IAME), rispettivamente in 18esima, 19esima, 20esima e 24esima piazza totale. Qualche complicazione di troppo anche per William Calleja (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing), che scivola dalla quinta posizione ottenuta in qualifica alla 58esima, sebbene agguanti un secondo posto in una manche.
  • In rimonta, invece, Alfie Slater (Energy Corse – Energy Corse – TM Racing), che guadagna ben 48 posizioni rispetto alla qualifica e occupa la 28esima piazza assoluta.

Risultati

©Photo: Sportinphoto