WSK Final Cup rd 1, Sarno: Finale KZ2 – Colpo da maestro di un eccellente Senna Van Walstijn

WSK Final Cup rd 1, Sarno: Finale KZ2 – Colpo da maestro di un eccellente Senna Van Walstijn

Pneumatici: Vega

  • Sembrava guidare quasi in sordina nel corso del weekend, ma nel momento decisivo Senna Van Walstijn (CPB Sport – Sodikart – TM Racing) ha dato sfogo alla sua aggressività sportiva. Scattato dalla seconda casella in griglia, il campione in carica della WSK Super Master Series nonché vincitore della WSK Champions Cup di inizio stagione scivola terzo in partenza e si rivela estremamente scaltro nel portarsi in testa alla corsa in soli tre giri. Il pilota del team CPB Sport approfitta della bagarre che avviene alle sue spalle per accumulare un buon margine sui diretti inseguitori, però viene raggiunto da Noah Milell (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex) nella seconda metà della finale. Van Walstijn regge la pressione in modo impeccabile e dà l’ennesima prova di forza, guadagnandosi la leadership nella classifica provvisoria del campionato e mostrandosi affamato di un terzo trofeo WSK nella sua annata 2022.
  • Si deve quindi accontentare della medaglia d’argento Noah Milell, che conclude in crescendo un weekend cominciato con qualche difficoltà inaspettata e si issa al secondo posto in campionato. Il campione del mondo KZ dell’anno scorso è astuto nel seguire Van Walstijn come un’ombra per salire dalla quarta piazza alla seconda in soli tre giri e, nonostante venga poi riattaccato sia da Giuseppe Palomba (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing) sia da Emilien Denner (CPB Sport – Sodikart – TM Racing), mantiene la freddezza. L’alfiere del Tony Kart Racing Team si riporta in seconda posizione nel corso dell’ottavo passaggio e si ritrova a un secondo da Van Walstijn, ma riesce a recuperare grazie a un ottimo ritmo e a riagganciarsi al paraurti dell’avversario. Il vicecampione del mondo KZ in carica non trova il varco per tentare il sorpasso ai danni del diretto rivale, ma si conferma un assoluto protagonista della categoria e rilancia la sfida al secondo round di Lonato.
  • Transita terzo sotto la bandiera a scacchi un sorprendente Egor Nosov (IPK Official Racing Team – IPK – TM Racing), che sfrutta nel migliore dei modi l’intensità delle sfide che animano la gara. Il portacolori del marchio Formula K è autore di una straordinaria rimonta di sette posizioni e ottiene così il suo primo podio targato WSK, impreziosendo ulteriormente la giornata per l’IPK Official Racing Team, vincitore della finale OKJ con Emanuele Olivieri.
  • Termina il weekend con un quarto posto amaro Giuseppe Palomba, che occupa la quarta piazza anche in campionato. Il campione in carica della WSK Euro Series mette in scena un altro scatto felino dalla terza casella in griglia e si porta subito in seconda posizione. Dopo aver palesato il suo fastidio per la difesa di Emilien Denner, il vicecampione in carica della WSK Open Cup sorpassa l’avversario del team CPB Sport al secondo giro, ma poi deve cedere alla furia dell’altro Sodikart di Senna Van Walstijn. Il portacolori del team Birel ART Racing è poi costretto a fare i conti sia con Milell sia con Denner e i tre piloti danno vita a una sfida entusiasmante a suon di sorpassi e controsorpassi. L’intensità della bagarre raggiunge il suo apice quando il poleman di venerdì esce lento dall’ultima curva, con un comportamento anomalo, e Palomba lo affianca. I due attori principali del weekend arrivano al contatto e il campione in carica della WSK Open Cup esce di scena, mentre il giovane italiano rientra in pista in quinta piazza. Il vincitore della prefinale Emilien Denner conserva comunque il terzo posto nella classifica provvisoria del campionato.
  • Recuperano posizioni rispetto alla partenza grazie a performance notevoli il fresco vicecampione della FIA Karting World Cup Cristian Bertuca (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing), quinto sia in gara sia in campionato, Matteo Spirgel (CPB Sport – Sodikart – TM Racing), sesto, e Thomas Imbourg (CPB Sport – Sodikart – TM Racing), settimo.
  • Completano la top ten con prestazioni convincenti Jean Nomblot (CPB Sport – Sodikart – TM Racing), ottavo e abile nell’inserire un quarto telaio Sodikart tra i primi otto, Ivan Ekelchik (Leclerc by Lennox Racing – Birel ART – TM Racing), nono, e Tom Leuillet (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex), decimo alla prima apparizione con il Tony Kart Racing Team. Il campione europeo KZ2 in carica firma anche il giro veloce, offrendo così un piccolo assaggio del suo potenziale al termine di un weekend complicato.
  • Sfiora la top ten in seguito a una rimonta di sei posizioni Francesco Comanducci (Karting Club Cesano – Tony Kart – TM Racing), 11°, mentre Robin Glerum (Leclerc by Lennox Racing – Birel ART – TM Racing) viene retrocesso dall’11° posto al 16° da una penalità di cinque secondi causa musetto in posizione non corretta. È una finale amara anche per Slavik Putiatin (LA Motorsport – Intrepid – TM Racing), che perde sette posizioni rispetto alla partenza e chiude un weekend promettente in 12esima piazza.

Risultati

Classifica Campionato

©Photo: Sportinphoto