RITORNANO I MUSETTI A SGANCIO: COME FUNZIONANO

RITORNANO I MUSETTI A SGANCIO: COME FUNZIONANO

HOT NEWS – TKART – Il particolare “definitivo” lo hanno visto ancora in pochi: la CIK ha pubblicato solo uno scarno pdf sul suo sito ufficiale. Ma,  tra sguardi indiscreti e qualche ammissione, TKART ha ricostruito come funziona il nuovo sistema.


IL SISTEMA ORIGINARIO (vedi “Musetto mobile: come funziona in pratica“)
Due placche a sgancio, un supporto paraurti, due ganci a scatto e 8 viti di fissaggio. Questo il kit che, applicato allo spoiler anteriore, consentiva allo stesso, in seguito a un contatto, di cadere fino a toccare terra, rimanendo però agganciato al paraurti.

La pratica, però, ha dimostrato che il rischio che il musetto, una volta caduto, si infilasse sotto il kart e compromettesse la guidabilità e la sicurezza del mezzo, era molto concreto.

 

LA NUOVA SOLUZIONE
Le due placche a gancio, cuore del sistema, vedono ridursi notevolmente le “gole” nelle quali si infilava il paraurti una volta avvenuto il contatto, permettendo al musetto di cadere fino a terra.

Ora, con queste gole appena accennate, il musetto, dopo una collisione, rientra, ma si abbassa solo leggermente, senza cadere a toccare l’asfalto. La sicurezza è preservata.

Di contro, sarà più difficile accorgersi visivamente dell’accaduto. Sul versante sportivo, quindi, si può ipotizzare che, anche dopo un contatto, il kart ”colpevole” continuerà a girare in pista fino alla fine.

Saranno poi i commissari, in sede di verifica, a valutare se il paraurti si sia sganciato e a dare, di conseguenza, i 30 secondi di penalizzazione.

Solo su TKART n.6, l’animazione in 3D sul funzionamento dei due spoiler!


.