Scegli la lingua.
Tkart magazine

Editoriale | Coppa dei Campioni 1981: la gara più sensazionale della storia del kart

3
Exclusive Content

Coppa dei Campioni 1981 la gara più sensazionale della storia del kart

02 Agosto 2022 • 11 min. lettura

I nomi dei partecipanti (Senna, Wilson, Fullerton…) potevano far presagire una sfida epica. Eppure nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo in quel weekend di fine maggio a Jesolo. A distanza di oltre quarant’anni, ve lo raccontiamo attraverso le testimonianze di alcuni dei protagonisti

alt
Advertisement
alt

Per capire cosa accade in quel weekend di fine maggio (dal 29 al 31) 1981, sulla Pista Azzurra di Jesolo, bisogna fare un balzo indietro di 40 anni e immergersi nel contesto dell’epoca. Il karting di vertice è ben diverso da quello di oggi: niente bilici, tende, preparatori atletici e mentali. Solo piloti-meccanici da una parte e la pista dall’altra. Ecco, la pista: “Fisicamente - spiega Mike Wilson, l’unico pilota della storia a vincere 6 mondiali di kart, uno dei protagonisti indiscussi di questo racconto - era una delle più toste al mondo. Ricordo che un giorno parlavo con Terry Fullerton (altra icona del karting, plurivincitore della Coppa dei Campioni e anche lui partecipante all’edizione del 1981, n.d.r.) e anche lui sosteneva che fare una finale di 25 giri a Jesolo fosse come farne una di 50 in qualsiasi altra pista, perché c’era davvero tanto grip. Era difficile mantenere tutte le quattro ruote a terra, anche perché a quei tempi gli pneumatici avevano mescole molto morbide e di conseguenza si depositava tantissima gomma sull’asfalto”. Ma la Pista Azzurra è qualcosa di più, rappresenta una continua sfida al rischio. Il settimanale Autosprint dell’epoca, nel descriverla, si sofferma soprattutto su due punti: la prima “curva ‘piena’ dopo il rettilineo di partenza, nella quale si entra a quasi 150 km/h, con le barriere vicinissime” e la cosiddetta “parte nuova che si compone anch’essa di curve da percorrere quasi in pieno, e comunque abbondantemente oltre i 100 km/h, dove [...] le barriere sono molto vicine”. In poche parole, se sbagli sei fuori.
Nel ripensare al passato, però, non si deve scadere nel classico stereotipo che descrive il kart in bianco e nero come poco professionale: quello degli Anni ‘80 è un kart maturo, non più pioneristico, nel quale vanno ad affermarsi veri e propri costruttori di telai e motori specializzati in questa disciplina, con i loro interessi e la loro voglia di vincere. In questo contesto, la Coppa dei Campioni è una delle competizioni più importanti dell’intero panorama kartistico internazionale, capace di attirare partecipanti da tutta Europa e di assumere i connotati della “classica” del karting, quello che può essere la Parigi-Roubaix per il ciclismo: “Pur non essendo una prova del mondiale, vincerla aveva un significato paragonabile a quello che ha vincere il Gran Premio di Montecarlo in Formula 1”, ci racconta Gianni Bianchi, storico telaista Birel e meccanico di Mike Wilson in quella edizione 1981.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana