Scegli la lingua.
Tkart magazine

Editoriale | Karting europeo vs americano. Due lati opposti di uno stesso mondo

9
Exclusive Content

KARTING EUROPEO VS AMERICANO DUE LATI OPPOSTI DI UNO STESSO MONDO

28 Giugno 2022

La gente comune non può neanche immaginarlo. Un po’ perché ai più questo sport è sconosciuto. E un po’ perché chi sa cosa sia un kart, in realtà lo riduce a una piccola nicchia del motorsport, un passaggio obbligato per poi accedere alle auto. In realtà è un universo con mille sfaccettature e differenze. Con stili e usanze che cambiano da Paese a Paese. Mario Pazos, partendo da un episodio di vita vissuta, ce lo racconta in questo articolo

alt

Ero a Miami per il Florida Winter Tour. Ai tempi lavoravo per OTK Kart Group, organizzatore della manifestazione che in quell’occasione avevamo deciso di realizzare - in maniera abbastanza pionieristica - nel parcheggio dello stadio dei Miami Dolphins, dove poi, nel 2022, ha corso anche la F1 (avevamo visto giusto per la location!). Il papà di un pilota vuole che veda il restauro che sta eseguendo su un Tony Kart Esprit e siccome abita lì vicino, a Pompano Beach, organizziamo un barbecue per la sera. Arrivo con le birre (negli USA devi sempre arrivare con le birre) e, grande sorpresa, in garage oltre all’Esprit “in lavorazione” c’era un Bug Scorpion con due motori, un second Bug e un Track Magic. La storia del kart USA, insomma. Per finire, contro il muro, un Taifun tedesco che aveva trovato in… Perù. Birra, barbeque, storie di gare… Io ero già più che apposto, quando arriva il suo vicino di casa. Le chiacchere scivolano sulle macchine d’epoca, l’Aston Martin che a quei tempi stavo restaurando, la Mille Miglia e Mike (credo che si chiamasse Mike il vicino di casa) se ne esce che ha la griglia di una Ferrari 212. Ora, la Ferrari 212 è una delle auto d’epoca del Cavallino Rampante più rare in circolazione.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana