Scegli la lingua.
Tkart magazine

Prima Analisi | Muove parzialmente le mani e ha gli arti inferiori paralizzati: eppure è un pilota di kart!

go down go up

IL KART SPECIALE DI UN PILOTA FENOMENALE

Muove parzialmente le mani e ha gli arti inferiori completamente paralizzati: eppure guida un kart. Ecco a voi la straordinaria storia di Vianney Chan Tsin (e del suo kart)

Leggi tutto
HANDIKART
SISTEMA STERZO
SISTEMA ACCELERATORE/FRENO
PROFILO PILOTA
IL MOTTO DI VIANNEY
SCHEDA TECNICA

Grazie alla passione di alcuni piloti e all’esperienza maturata dalla Federazione francese dal 2011 nell’organizzazione di gare federali per piloti affetti da disabilità, proprio in Francia, durante il FIA Karting European Championship OK e OK-Junior 2021 sul circuito francese di Essay, si è tenuta la prima gara del Trofeo Internazionale Handikart, riconosciuto dalla federazione CIK-FIA. Si tratta di una competizione nella quale gareggiano contemporaneamente piloti affetti da disabilità di entità differente a bordo di kart adattati in funzione delle loro esigenze. Si spazia dunque da comandi manuali accessori installati sul volante del kart fino a sistemi molto più complessi come leve specifiche che fungono da acceleratore/freno piuttosto che all’utilizzo di servosterzo per rendere meno faticosa la sterzata che, come sappiamo, sui kart richiede tantissima forza e resistenza fisica nelle braccia. Per compensare il diverso grado di disabilità tra i vari piloti, il regolamento sportivo Handikart prevede la suddivisione in 3 categorie che definiscono, in base al numero di equipaggiamenti speciali adottati sul singolo kart, un peso minimo (pilota+kart) sotto il quale non si può scendere:

H1 comprende i kart provvisti di un equipaggiamento speciale – peso minimo consentito 170 kg
H2 comprende i kart provvisti di due equipaggiamenti speciali – peso minimo consentito 166 kg
H3 comprende i kart provvisti di tre equipaggiamenti speciali – peso minimo consentito 162 kg

Proprio in quest’ultima categoria compete il pilota francese Vianney Chan Tsin che, a causa di un incidente stradale occorsogli nel 2003, ha subito lesioni che lo hanno lasciato in uno stato di tetraplegia parziale con limitazione all’uso degli arti superiori e totale paralisi di quelli inferiori (lesioni alle vertebre C6-C7). Vianney gareggia nella Handikart a bordo del suo kart Kosmic Mercury R del 2018 (n°omologa 49/CH/14) che, in versione KZ, vi abbiamo raccontato nell’articolo KOSMIC MERCURY R, IL KART CAMPIONE DEL MONDO KZ 2018 presente nella sezione “Sotto Esame” di TKART. Il kart non ha subito nessuna modifica a livello strutturale e anche la posizione del sedile è rimasta invariata: equipaggiato con un motore Rotax Evo [1], il Mercury R di Vianney adotta diversi equipaggiamenti che pesano circa 14 kg in totale, portando il peso complessivo del kart a 105 kg. Tra questi troviamo un particolare sistema acceleratore/freno (di derivazione automobilistica) a comando manuale [2], il servosterzo [3], la cintura a 6 punti, due fasce con il velcro [4] per tenere unite le gambe e limitarne il movimento e un sedile con lo schienale più alto [5], rispetto a quello dei sedili tradizionali, che sostiene maggiormente il corpo del pilota.

Continua a leggere il tuo articolo

Non perdere tempo: registrati ora per un free tour di 24 ore. Articoli illimitati.

Inizia il tuo free tour di 24 ore
Non è richiesta la carta di credito
o
Salta il free tour e diventa un membro di TKART Magazine.
  • Continui aggiornamenti
  • Contenuti interattivi (360°, Video, Gallery, ecc)
  • 15 rubriche
  • Più di 600 articoli approfonditi
  • Accesso a tutto l’archivio
  • Disponibile in italiano, inglese e spagnolo
  • Accesso da desktop e mobile
Abbonati