Scegli la lingua.
Tkart magazine

Sotto Esame | Vortex – ROK DVS verso il futuro

Exclusive Content
alt

DVS VERSO IL FUTURO

04 Febbraio 2016
2T

TIPOLOGIA
Motore a 2 tempi, come la stragrande maggioranza dei propulsori per kart. Il 4 T è una piccola nicchia

125 CC

CILINDRATA
I 125 cc. sono, ormai, la cilindrata di riferimento. I motori 100 sono ormai un ricordo del passato

A SPINTA

AVVIAMENTO
Uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni. Il DVS sceglie la semplicità: niente avviamento elettrico

MONO-MARCIA

TRASMISSIONE
Due le “grandi famiglie” di motori per il kart: monomarcia e a marce. Il DVS è del primo tipo

MONOMARCA

OMOLOGAZIONE
Per i motori destinati ai monomarca, il regolamento di riferimento è quello del proprio campionato

Semplicità. Questo il concetto cardine del nuovo motore DVS di casa Vortex - ROK, che anticipa molte soluzioni che si vedranno sui motori OK della prossima omologa CIK-FIA

A partire dal prossimo anno, secondo i dettami della Federazione CIK-FIA, verranno utilizzati, nelle gare internazionali, i motori OK, destinati a prendere il posto degli attuali KF. Si tratta di motori a presa diretta, con avviamento a spinta, facilitata da un sistema a valvola di decompressione sulla testa del cilindro. Se per tutti i kartisti la novità arriverà nella prossima stagione, chi corre nella ROK Cup, Campionato monomarca di casa Vortex (gruppo OTK), già nel 2015 ha potuto correre con un motore che dei futuri OK è partente stretto. Nella categoria Super ROK, infatti, Vortex ha introdotto il primo motore con il nuovo sistema a valvola di decompressione: il DVS. La base è quella del motore KF, assemblato con componenti già sperimentati e forte del fatto di poter contare su una consolidata economia di scala, ma diversi particolari cambiano, per scelta o per necessità. TKART ha avuto la possibilità di analizzare nel dettaglio il motore; aprirlo, fotografarlo, parlare con i tecnici che lo hanno progettato e farsi un’idea di che tipo di prodotto sia. Diciamo subito che molte soluzioni del DVS ci piacciono, mentre altre possono generare qualche dubbio. Però, a ben vedere, dato che il DVS, per ora, viene proposto solo in una categoria per piloti già adulti, non Junior, alcuni limiti vengono sicuramente superati.

x di x

Concettualmente, il motore DVS punta sulla semplicità, cioè elimina tutti i componenti di cui si può fare a meno e che possono usurarsi e rompersi, oltre ad incidere sul costo finale: frizione, pompa dell’acqua e relativi ingranaggi interni, motorino di avviamento e annessa batteria da 12 Volt. Tutto eliminato!
Domanda spontanea del kartista di ultima generazione: e allora come partiamo? Come si faceva anni fa, con i motori 100cc presa diretta: si parte a spinta. Il problema è che i kart di oggi hanno motori e telai più pesanti (cilindrate passate a 125 cc, carenature più grandi e complete, in particolare al posteriore). Per facilitare le cose, ed evitare di dover sollevare le ruote posteriori del kart per dare la spinta iniziale, il motore presenta sulla testa una valvola di decompressione.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana