Scegli la lingua.
Tkart magazine

Sotto Esame | Formula K Monster EVO 3, tradizione vincente

Exclusive Content
alt

MONSTER EVO 3, TRADIZIONE VINCENTE

28 Marzo 2020









CIK-FIA 2020 - 2023

OMOLOGA
L’omologa del Formula K Monster Evo 3 è del 2020: la prima dedicata dalla Federazione alla categoria MINI

MINI

CONFIGURAZIONE
Il telaio è adatto alla categoria 60 Mini, quella per i giovani piloti dai 9 ai 12 anni

28

DIAMETRO TUBI
Nel regolamento minikart i tubi che compongono il telaio devono avere diametro 28 mm

MANUALE

SALDATURA
Due le “scuole di pensiero”: a mano o robotizzata. IPK salda manualmente

MAGNESIO

ACCESSORI
Accessori in magnesio di serie per il telaio del gruppo IPK

Il Formula K Monster EVO è un telaio diventato negli ultimi anni un riferimento nella categoria 60 Mini. Il primo squillo è arrivato con la vittoria della WSK Super Master Series 2016 e da allora le performance in pista si sono sempre confermate al top, come ribadiscono anche gli ottimi risultati dei primi mesi di gare 2020. Inevitabile, quindi, che nell'anno della prima omologa CIK-FIA dedicata alla classe MINI, IPK si sia fatta trovare pronta presentando la terza versione del suo kart dedicato ai piloti più giovani, aggiornata sia a livello tecnico sia estetico.

Come da regolamento, la scocca del Formula K Monster Evo 3 è formata da tubi di diametro 28 mm, saldati manualmente. Il disegno del telaio non è cambiato rispetto al passato, confermando le due curve sul longherone all’altezza del serbatoio: una caratteristica che tutte le principali case costruttrici hanno introdotto nell’omologa 2020. La prima novità del modello 2020 la si trova al retrotreno, con il nuovo scatolato che permette una regolazione in più in altezza (in totale ora sono quattro) per il fissaggio della flangia.
Un cambiamento coinvolge anche il cuscinetto C5 (ad alta scorrevolezza), ora dotato di 3 grani di fissaggio all’assale: il grano aggiunto permette di migliorare la presa dividendola su 120 gradi; una modifica non banale, che mira a risolvere una delle problematiche più diffuse nella 60 Mini: il fissaggio dei grani su un assale dallo spessore esiguo.

Una modifica secondaria, che sottolinea l’attenzione ai dettagli dei tecnici IPK, riguarda i tubi ai quali si fissano i supporti delle carenature laterali e dello spoiler frontale, accorciati e ridotti di diametro. Grazie a questi cambiamenti è stato possibile eliminare la boccola in teflon precedentemente presente. Inoltre, sul versante più prettamente tecnico, questa soluzione lascia il telaio più libero, diminuendo la tensione che si crea nel renderlo solidale al supporto della carenatura. Anche il sistema di fissaggio è stato rivisto in modo da serrare le viti senza ovalizzare il tubo del telaio.
Sempre sul telaio, va sottolineata l’introduzione dello scatolato per il supporto della pompa del freno, che sostituisce la precedente piastra saldata. La nuova soluzione permette un miglior allineamento della pompa rispetto al pedale del freno, oltre ad aumentare la rigidità del supporto.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana