Scegli la lingua.
Tkart magazine

Sotto Esame | Kosmic Mercury: qualità mondiale

0
go down go up

KOSMIC MERCURY: QUALITA' MONDIALE







CIK-FIA 2009-2020

OMOLOGA
La prima omologa del Kosmic Mercury è del 2009, successivamente rinnovata ed estesa fino al 2020

KF

CONFIGURAZIONE
Il telaio è omologato per KF4, KF3, KF2, KZ2, KZ1, ICE. Quello analizzato, però, è in configurazione KF

30

DIAMETRO TUBI
I tubi del Mercury hanno tutti diametro 30 mm, una scelta abbastanza abituale per la classe KF

ROBOT

SALDATURE
Uno dei fiori all’occhiello di Kosmic: il sistema di saldatura robotizzato ad altissima precisione

MAGNESIO

ACCESSORI
Al top, in magnesio e, il più delle volte, ricavata dal pieno. Ampia possibilità di personalizzazione

Dopo averlo sfiorato varie volte, la Kosmic vince il mondiale KF. Con un telaio figlio della qualità che contraddistingue tutti i prodotti del marchio di casa OTK. Come quello usato da Karol Basz a Muro Leccese che, qui, analizziamo

Kosmic Kart è arrivata vicino a vincere il mondiale più volte negli ultimi anni, grazie a prestazioni sempre al top. Ma perché tutte le componenti che ci vogliono (pilota, motore, gomme) si unissero a quel pizzico di fortuna indispensabile per vincere, ha dovuto aspettare il fine settimana magico sul Circuito di La Conca, dove, finalmente, Karol Basz ha conquistato il Titolo del Mondo KF 2015. Il pilota polacco lo ha fatto guidando un kart Kosmic modello Mercury, omologato ufficialmente per le categorie KF4, KF3, KF2, KZ2, KZ1, ICE. Lui, ovviamente, ha utilizzato la configurazione per la KF e TKART è andato a prendere proprio quella per analizzarla nei dettagli. E quando diciamo “proprio quella”, intendiamo precisamente il kart di Karol Basz, tirato giù dal camion nelle esatte condizioni nelle quali ha affrontato, e vinto, il mondiale. Ruote sporche comprese. Nuovo o usato che sia, le caratteristiche specifiche e uniche del telaio Kosmic Mercury, come in generale di tutti i telai dell’OTK Kart Group (che, per quanto riguarda i telai, oltre a Kosmic comprende i marchi Tony Kart, FA Kart e Exprit), sono legate a un processo produttivo della scocca molto avanzato.

0%

    Un dettaglio delle precise saldature dei tubi della scocca. Kosmic utilizza, per le operazioni di saldatura, dei macchinari automatizzati ad altissima precisione, che garantiscono un’ottima qualità e, soprattutto, il mantenimento di questo elevatissimo standard esattamente identico in tutte le scocche prodotte

    Leggi tutto

    La barra anteriore permette di fare diverse variazioni all’assetto del Mercury. In Kosmic hanno previsto l’utilizzo di barre tonde di diversi spessori e di barre piatte posizionabili sia paralle alla pianalina, sia in posizione verticale, di taglio

    Leggi tutto

    Tra le novità più visibili del 2015 ci sono le nuove carene OTK. Studiate in galleria del vento, permettono una riduzione dell’impatto dell’aria sul musetto e sul casco del pilota, e un migliore indirizzamento dei flussi, il tutto a beneficio di efficienza aerodinamica, raffreddamento e prestazioni del motore

    Leggi tutto

    OTK utilizza, infatti, dei macchinari automatizzati, e particolarmente avanzati, di saldatura dei tubi. Questi, evidenzia l’azienda, permettono di ottenere caratteristiche meccaniche delle giunture saldate di altissimo livello e, soprattutto, una grandissima costanza di prestazione. La conseguenza è che i telai Kosmic/OTK posseggono qualità costanti e incredibilmente uniformi l’uno dall’altro, proprio grazie alla perfetta ripetitività di tutto il processo costruttivo, dalla saldatura al controllo delle caratteristiche meccaniche dei tubi.

    Continua a leggere il tuo articolo

    Non perdere tempo: registrati ora per un free tour di 24 ore. Articoli illimitati.

    Inizia il tuo free tour di 24 ore
    Non è richiesta la carta di credito
    o
    Salta il free tour e diventa un membro di TKART Magazine.
    • Continui aggiornamenti
    • Contenuti interattivi (360°, Video, Gallery, ecc)
    • 15 rubriche
    • Più di 700 articoli approfonditi
    • Accesso a tutto l’archivio
    • Disponibile in italiano, inglese e spagnolo
    • Accesso da desktop e mobile
    Abbonati
    Ti potrebbero interessare