Scegli la lingua.
Tkart magazine

Sotto Esame | I motori monomarcia vortex djt e dst

go down go up

DJT E DST: I MONOMARCIA SECONDO VORTEX









2T

TIPOLOGIA
Motore a 2 tempi, come la stragrande maggioranza dei propulsori per kart. Il 4 T è una piccola nicchia

125 cc

CILINDRATA
La 125 cc. è ormai la cilindrata di riferimento. I motori 100 sono un ricordo del passato

A SPINTA

AVVIAMENTO
A spinta con valvola di decompressione

MONOMARCIA

TRASMISSIONE
Due le “grandi famiglie” di motori per il kart: monomarcia e a marce. I Vortex DST e DJT sono monomarcia

2019-2021

OMOLOGAZIONE
È quella della OK e OKJ valida dal 2019 al 2021

La stagione 2019 si è conclusa con un titolo importante per Vortex, la divisione motori dell’OTK Kart Group, salita sul primo gradino del podio del FIA Karting Junior World Championship con Thomas Ten Brinke. A spingere il pilota olandese c’era il propulsore DJT, introdotto dall’azienda in occasione del ciclo di omologa 2019-2021 assieme al fratello maggiore DST, destinato alla classe OK.

Entrambi i modelli si collocano all’interno del progetto di ampio respiro che l’azienda ha in mente per le categorie FIA monomarcia: l’intento, dopo il primo ciclo di omologa partito nel 2016, è quello di mettere progressivamente mano a tutte le aree del motore, con l’obiettivo di avere un prodotto più semplice, ripetibile e affidabile, ma anche più performante.

Con i motori DJT e DST questa intenzione si manifesta prima di tutto in una completa rivisitazione del basamento del motore: l’intero carter, dove per intero si intende il carter assemblato in tutte le sue componenti, non ha nulla a che spartire con quello del modello precedente. Le novità interessano ogni aspetto: gli stampi, le fusioni, le lavorazioni, i dimensionamenti, la minuteria.

Le idee di fondo che hanno dettato tutte le modifiche sono piuttosto semplici, a partire dalla necessità di avere un motore con un centro di gravità più basso.

0%

    Dal cilindro in su, i DJT e DST sono identici ai loro predecessori DDJ e DDS

    Leggi tutto

    Le creste dei canali di raffreddamento servono ad aumentare la superficie di scambio termico tra fluido e cilindro

    Leggi tutto

    Sia il DJT sia il DST beneficiano di un nuovo pistone, ridisegnato dal lato aspirazione

    Leggi tutto

    I travasi lato carter sono stati ottimizzati per migliorare il comportamento del motore ai bassi e medi regimi

    Leggi tutto

    DJT e DST condividono anche il pacco lamellare, che rispetto al precedente modello ha degli stopper diversi

    Leggi tutto

    L’abbassamento del baricentro è sensibile, garantiscono i tecnici Vortex, e ha richiesto un importante lavoro in fase di progetto per decidere quali masse spostare, ruotare o ridimensionare per fare in modo che il centro di gravità equivalente del motore risultasse più vicino al terreno. È chiaro che un riposizionamento del baricentro non regala cavalli extra, ma sicuramente aiuta a sfruttare meglio quelli che già ci sono migliorando l’handling, grazie a movimenti di beccheggio e rollio ridotti. In questo modo, pur senza toccare la parte termica del propulsore, rimasta identica rispetto alla precedente omologa, sì è riusciti a fare un deciso passo avanti in termini di performance.

    Continua a leggere il tuo articolo

    Non perdere tempo: registrati ora per un free tour di 24 ore. Articoli illimitati.

    Inizia il tuo free tour di 24 ore
    Non è richiesta la carta di credito
    o
    Salta il free tour e diventa un membro di TKART Magazine.
    • Continui aggiornamenti
    • Contenuti interattivi (360°, Video, Gallery, ecc)
    • 15 rubriche
    • Più di 600 articoli approfonditi
    • Accesso a tutto l’archivio
    • Disponibile in italiano, inglese e spagnolo
    • Accesso da desktop e mobile
    Abbonati