Scegli la lingua.
Tkart magazine

Sotto Esame | Opportunity 2020: la tradizione vincente del kart Mini by Parolin

Exclusive Content
alt

2020 PAROLIN OPPORTUNITY: TRADIZIONE VINCENTE

13 Marzo 2020









CIK-FIA 2020-2023

OMOLOGAZIONE
L’omologa del Parolin Opportunity è del 2020: la prima dedicata dalla Federazione alla categoria dei MiniKart. È valida per 3 anni

MINI-BABY

CONFIGURAZIONE
Il telaio può essere utilizzato nelle categorie dedicate ai kartisti più giovani: Mini e Baby

28 mm

DIAMETRO TUBI
Nel regolamento minikart i tubi che compongono il telaio devono avere diametro 28 mm

ROBOT

SALDATURE
Due le “scuole di pensiero”: a mano o robotizzata. L’Opportunity è saldato a robot

ALLUMINIO

ACCESSORI
Gli accessori di serie sono in alluminio. Gli accessori in magnesio sono disponibili come optional

Negli ultimi anni, il kart Opportunity della Parolin Racing Kart si è imposto come uno dei prodotti più vincenti della categoria Mini, conquistando le edizioni 2017, 2018 e 2019 della WSK Super Master Series. Inevitabile che, con l’istituzione della prima omologa CIK-FIA che riunisce sotto un unico regolamento tutte le omologhe prima nazionali, anche l’azienda italiana abbia presentato la nuova versione del suo kart per i piloti più giovani.

Tante le novità da analizzare, partendo, però, da ciò che è rimasto inalterato rispetto al passato: la forma della scocca e la tipologia di tubo utilizzata. Un mix di fattori che ha dimostrato di conferire al telaio una grande capacità di adattarsi a ogni condizione di grip presente sulle diverse piste. La saldatura della scocca è gestita tramite robot, attraverso un processo completamente automatizzato sul quale la Parolin ha investito molto e che può contare su nuovi macchinari di ultima generazione che hanno innalzato ancora di più la qualità del prodotto.
Marco Parolin, figlio del titolare dell’azienda Albino, è molto chiaro su questo punto: “Per la Parolin Racing Kart la saldatura automatizzata è un punto fermo, perché ci permette di avere una produzione con una qualità costante ed eliminare l’errore umano. L’esperienza maturata negli anni ci ha permesso di definire il migliore processo di saldatura, che non dipende solo da robot di ultima generazione, ma anche dalla gestione delle maschere, oltre che del taglio e dalla piega del tubo”.

Detto della continuità con il passato, rappresentata dalla scocca, il telaio Opportunity 2020 non è certo avaro di novità. Un primo cambiamento lo si trova nel supporto del piantone dello sterzo, sul quale ora viene inciso con un macchinario laser il puma, logo dell’azienda. Sempre sul piantone è confermato il sistema basato su una slitta interna che permette di movimentarlo avanti e indietro, regolando in pochi secondi i parametri dell’angolo di Ackerman così da facilitare l’adattamento del telaio allo stato della pista e le preferenze del pilota.
Confermati anche i pedali ricavati dal pieno, adattabili a seconda della statura del pilota e caratterizzati dalla presenza dell’uniball che collega l’asta del freno al pedale, permettendo al sistema di lavorare in asse.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana