Scegli la lingua.
Tkart magazine

Vero o Falso | Con la miscela al 6% non grippi mai

Exclusive Content
CORONA
TECNICA
PRESTAZIONI
kart
quiz
Start
MANUTENZIONE
SETUP
MISCELA
29 Agosto 2016
CON LA MISCELA AL 6% NON GRIPPI MAI
Esperto preparatore per i motori KZ. Difficile contare le sue vittorie negli ultimi anni...
Bravo!

“Non è vero, tutto dipende dalla tipologia di olio utilizzato: con un lubrificante sintetico, in certe condizioni posso fare la
miscela al 3 o, addirittura, al 2%. Con un olio minerale, invece, ne serve di più . Ma il 6% è troppo! Così il motore funziona male! Diciamo che il rapporto giusto per chi non ha troppe pretese è tra il 4 e il 5%, indifferentemente dal motore. In gara, invece, bisogna smagrire un po’ di più: ma per questo è meglio
consultare il proprio preparatore”.

SBAGLIATO!

“Non è vero, tutto dipende dalla tipologia di olio utilizzato: con un lubrificante sintetico, in certe condizioni posso fare la
miscela al 3 o, addirittura, al 2%. Con un olio minerale, invece, ne serve di più . Ma il 6% è troppo! Così il motore funziona male! Diciamo che il rapporto giusto per chi non ha troppe pretese è tra il 4 e il 5%, indifferentemente dal motore. In gara, invece, bisogna smagrire un po’ di più: ma per questo è meglio
consultare il proprio preparatore”.

Bravo!

“Nelle gare con i kart monomarcia non c’è la necessità di utilizzare una protezione per la corona, perché i rapporti usati non sono mai troppo grandi da imporlo. Il paradisco è obbligatorio quando il disco freno sporge dai tubi del telaio”

SBAGLIATO!

“Nelle gare con i kart monomarcia non c’è la necessità di utilizzare una protezione per la corona, perché i rapporti usati non sono mai troppo grandi da imporlo. Il paradisco è obbligatorio quando il disco freno sporge dai tubi del telaio”

Bravo!

“Sono discorsi complicati: tutto dipende da come la pinza è montata sul telaio, ma all’atto pratico non cambia più di tanto. Osserva un kart in moto sul cavalletto, dai gas e poi frena: su tutte le scocche la ‘coda’ flette alzandosi: questo è l’effetto tra un impianto tradizionale e una pinza ad attacco radiale. Questa è ancorata al telaio, garantendo un fissaggio molto rigido e una deformazione minima quando la pinza è sotto sforzo.”

SBAGLIATO!

“Sono discorsi complicati: tutto dipende da come la pinza è montata sul telaio, ma all’atto pratico non cambia più di tanto. Osserva un kart in moto sul cavalletto, dai gas e poi frena: su tutte le scocche la ‘coda’ flette alzandosi: questo è l’effetto tra un impianto tradizionale e una pinza ad attacco radiale. Questa è ancorata al telaio, garantendo un fissaggio molto rigido e una deformazione minima quando la pinza è sotto sforzo.”