Come rimuovere il contralbero di equilibratura

Come rimuovere il contralbero di equilibratura

In caso di verifica tecnica, o per una semplice revisione, in poche mosse il “dottore” di TKART spiega come rimuovere (e rimontare) il contralbero presente nei motori monomarcia.

Già presente nei motori KF, omologati per la prima volta nel 2007, il contralbero di equilibratura è stato mantenuto anche nei nuovi OK e OK-Junior. Il suo compito? Smorzare le elevatissime vibrazioni generate dal propulsore monocilindrico.

Questa componente, che può condizionare le prestazioni del motore, deve essere verificata dai commissari nel minor tempo possibile dopo la gara, oltre a dover essere periodicamente controllata per garantire la sua efficienza.
È utile, quindi, vedere come si può smontare, e rimontare, in poche mosse. Per farlo, il doc. di TKART ha preso il motore VKR di Mauro Villa, che si contraddistingue per un’estrema facilità d’ispezione; ma le operazioni sono più o meno le stesse per tutti i motori.

Ogni quanto si usura il contralbero? Non c’è una regola. Tutto dipende da quanto si utilizza il motore: se lo si usa per gareggiare, sarebbe meglio sostituirlo almeno una volta a stagione.

Step 1
In genere, il contralbero si trova nella parte esterna del motore, ma, per effettuare con precisione l’operazione di smontaggio e rimontaggio, è meglio togliere il motore dal kart.
In sede di verifica di gara, inoltre, smontare il motore è obbligatorio e, comunque, non si tratta di un’operazione troppo complessa.
Tolto il motore dal telaio, per prima cosa bisogna estrarre il rotore dell’accensione: si svita il dado di fermo, si inserisce l’apposito estrattore (da acquistare presso i rivenditori del marchio del proprio motore), quindi lo si allontana dall’albero motore e lo si toglie.
Step 2

Ora bisogna concentrarsi sullo statore dell’accensione: svitato il dado di fermo,…
(continua su TKART Magazine, nel canale DOTTOR TKART)