Scegli la lingua.
TKART magazine Editoriale | Che senso ha un FIA Karting World Championship così?
1
Exclusive Content

CHE SENSO HA
UN FIA KARTING WORLD CHAMPIONSHIP COSÌ?

Yanek Sterzel
15 Ottobre 2023 • 4 min. lettura

Il titolo di kart più importante della stagione assegnato in prova singola ha mostrato tutti i propri limiti e la propria inadeguatezza in occasione dell’edizione 2023, dedicata ai kart monomarcia

alt
Advertisement

Il FIA Karting World Championship 2023 ci ha fatto capire che probabilmente qualcosa non va nell’assegnazione di quello che è il titolo più importante della stagione di karting internazionale. Nonostante il circuito Franciacorta Karting Track sia un tracciato avvincente e - a detta di molti piloti con i quali ho parlato - davvero bello sul quale gareggiare, quest'ultimo mondiale OK / OKJ non ha offerto un bello spettacolo. E non mi riferisco a nulla che abbia a che fare con l'organizzazione, anzi! La famiglia Bonara (che ho il piacere di conoscere da tanti anni), titolare del circuito, ha messo in moto una macchina formidabile, un'organizzazione impeccabile. Bravissimi.
Quello che non ha funzionato lo si è vissuto tra i cordoli, sul nastro d'asfalto, soprattutto durante una delle due finali. Sono andato via dal circuito domenica sera (purtroppo in direzione dell'ospedale di Chiari, per capire come stesse uno dei partecipanti vittima di un incidente), con l’amaro in bocca. Non mi succede spesso, dopo una gara di kart. A essere onesti, non mi succede mai. Questa volta, però, ho avuto la sensazione di non aver assistito a un bello spettacolo. Mi riferisco soprattutto alla finale della categoria OK. Gli incidenti succedono sempre, per carità, ma finire una gara con 14 classificati e 18 ritirati è qualcosa di davvero anomalo e non bello per lo sport. Si badi bene, la mia non è assolutamente una critica verso qualcuno o qualcosa, ma solo un pensiero "a voce alta" che metto nero su bianco solo perché questa gara lo merita e credo abbia un’importanza fondamentale nello sport che amiamo. Il punto è: il mondiale in prova singola - l'evento nel quale si investono risorse di ogni genere come in nessun'altro - ha mostrato in questa occasione tutti i suoi limiti.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana
7
Esplora questi e tanti altri
contenuti premium
Vai al Magazine