Intervista da Kristianstad con Felipe Massa, Presidente della CIK-FIA

Intervista da Kristianstad con Felipe Massa, Presidente della CIK-FIA
Karting, , , , , , FIA Karting World Championship, KRISTIANSTAD, International Race, © KSP Reportages

“Tradotto con il traduttore di Google”

Il presidente della CIK-FIA Felipe Massa ha voluto essere presente in Svezia per l’ultimo grande evento sportivo della stagione 2018, il FIA Karting World Championship – OK e Junior svoltosi a Kristianstad dal 20 al 23 settembre. Con il suo grande apprezzamento per la competizione, ha goduto dello standard di guida estremamente elevato ed è stato contento dell’aumento del numero di partecipanti.

Signor Presidente, prima di tutto puoi riassumere brevemente il tuo primo anno alla guida della CIK-FIA?
– Riconosco che non è facile padroneggiare rapidamente ogni aspetto del karting. Osservo, ascolto, discuto, per cogliere tutte le sottigliezze di questa disciplina. Devo dire che la mia missione è principalmente quella di sviluppare il kart a livello globale. Sono qui per ridare tutto il possibile al karting, che è la base essenziale del motorsport. Sono determinato a far accadere le cose, anche se a volte è a disagio, se gli atteggiamenti si evolvono e il karting progredisce. Certo, non posso farlo da solo. Ho bisogno di un forte sostegno nel settore, ma spero di raggiungere il mio obiettivo di dare al karting il posto che merita nel motorsport.

Cosa ricorderai degli ultimi campionati mondiali FIA Karting da un punto di vista sportivo?
– In Svezia, i numeri erano particolarmente alti sia in OK che in Junior. 215 piloti per un campionato del mondo con due categorie è un indicatore positivo della salute di questo sport. Lo standard della concorrenza è estremamente alto e i piloti hanno un sacco di talento. Le gare erano difficili a causa dell’alternanza tra una pista asciutta e una pista bagnata. Non sorprende che siano avvenuti contatti e siano state imposte sanzioni, in particolare per quanto riguarda le carenature anteriori. I commissari sono lì per garantire il rispetto delle regole, anche se non è sempre facile. L’installazione di carenature frontali rimovibili è, a mio parere, una buona misura per assicurarsi che i piloti si abituino a comportarsi correttamente sin dalla tenera età.

Cosa ne pensi dell’attuale formato Race?
– Un Campionato del Mondo assegnato alla fine di una singola Finale offre uno spettacolo di rara intensità. Tuttavia, mi chiedo se la fortuna non giochi un ruolo troppo importante nella designazione del miglior pilota dell’anno. Un semplice incidente tecnico o una gara mediocre può rovinare le possibilità di piloti di grande talento. Penso che sarebbe più accurato competere per il Campionato del Mondo in quattro o cinque Competizioni per limitare le conseguenze dei problemi di corsa e coronare il meglio con più certezza.

D’altra parte, dovremmo visitare diversi continenti come parte del Concorso mondiale per promuovere le categorie di karting e CIK-FIA internazionali in un’area più vasta dell’Europa. Ad esempio, America, Asia e Medio Oriente meritano di ospitare un evento del campionato mondiale. Per le fabbriche, ciò potrebbe anche diversificare i mercati e aumentare la produzione. Non si tratta di aumentare le spese viaggiando a lungo. Dobbiamo trovare modi per promuovere il karting e aumentare il budget per questo progetto globale collaborando con paesi e sponsor.

Non è qualcosa che può essere messo in atto da un giorno all’altro, ma questo non ci impedisce di pensare e di lavorare sull’argomento. Sono convinto che ci siano nuovi modi di esplorare e soluzioni da trovare. Il mondo sta cambiando e abbiamo bisogno di sviluppare un nuovo approccio al karting in crescita in più paesi.