Scegli la lingua.
TKART magazine Dottor TKART | Come effettuare lo “spurgo dei freni” (e il cambio pastiglie)
Exclusive Content

COME EFFETTUARE LO “SPURGO DEI FRENI” (E IL CAMBIO PASTIGLIE)

Jacopo Colombo
27 Febbraio 2023 • 12 min. lettura
Le operazioni nel dettaglio (e le finezze da professionisti) per eliminare l’aria presente nel circuito idraulico dell’impianto frenante, così da farlo tornare pienamente efficiente. Abbiamo effettuato questa procedura su un impianto di un Tony Kart Shifter, ma potrete tranquillamente replicare queste indicazioni su molti altri modelli di kart in circolazione
alt
tempo 25 min
difficoltà FACILE
Advertisement

Lo “spurgo dei freni” (questa la dicitura gergale), ovvero la rimozione di bolle d’aria presenti nel circuito idraulico dell’impianto frenante, è una pratica molto importante, sia per questioni di sicurezza sia per motivi legati alle prestazioni in pista. Nel mondo dei kart Racing, a livello professionistico e durante i weekend di gara, lo spurgo dei freni viene effettuato alla fine di ogni giornata, per avere sempre l’impianto frenante in condizioni ottimali. Anche i piloti amatoriali possono effettuare lo spurgo di tanto in tanto per assicurarsi che la risposta del pedale del freno sia sempre pronta e immediata, come deve essere. A prescindere dal livello di competizione alla quale si partecipa, invece, bisogna effettuare questa operazione quando si verificano due condizioni particolari: il cambio delle pastiglie oppure quando il disco è troppo usurato o rotto e deve quindi essere sostituito. In generale, comunque, la sensazione che il pilota avverte nel momento in cui lo spurgo dei freni è necessario è che il pedale allunga la sua corsa, diventando “spugnoso” alla pressione.

Nota della redazione
L’impianto utilizzato in questo articolo per descrivere le varie fasi di lavoro è un BSS (omologato FIA 012-B4-18 da OTK Kart Group), installato su un telaio Tony Kart Racer 401 RR Shifter (per approfondire, “Sotto Esame | Tony Kart Racer 401 RR, il telaio campione del mondo KZ”), quindi provvisto di pinze freno anche sull'asse anteriore. Le operazioni descritte, però, sono estendibili e applicabili alla maggior parte degli impianti frenanti (di diversi brand) presenti in commercio e, ovviamente, a tutti i brand di OTK Kart Group, oltre a Tony Kart (Kosmic Kart, LN racing Kart, Exprit Kart, Gillard Kart, Redspeed Kart, EOS Kart).

STRUMENTI NECESSARI
N.B. le misure degli attrezzi n. 2, 3, 4, 6 e 7 possono cambiare lievemente a seconda della marca e del modello dell’impianto frenante.
9. Spray pulitore freni
8. Buretta per lo spurgo dei freni
7. Chiave inglese da 8 mm
6. Chiave inglese da 6 mm
5. Tubo in plastica (solitamente quello usato per il passaggio della benzina)
4. Chiave a brugola da 5 mm
3. Chiave a brugola da 4 mm
2. Chiave a brugola da 2 mm
1. Cacciavite o leva
alt
1
STEP

Come abbiamo detto, lo spurgo dei freni lo si fa in tre circostanze:
1. Come semplice controllo preventivo o quando il pilota sente il pedale del freno “spugnoso”
2. Quando si cambiano le pastiglie dei freni
3. Quando si cambia il disco del freno.
Sono tre casi con grado di complessità crescente, se vogliamo, a livello di interventi da fare. Noi abbiamo analizzato quello intermedio (lo spurgo conseguente al cambio pastiglie) che comporta, come vedrete, la necessità di allargare i pistoncini presenti nelle pinze: è proprio in questa fase che potrebbe immettersi aria nell’impianto.

1. Nella pinza posteriore dell’impianto frenante BSS le pastiglie sono vincolate nella loro sede grazie a [A] un’asse bloccato da un dado autofilettante e dotato di un ulteriore [B] fermo di sicurezza. Pertanto, per procedere con la loro estrazione, bisogna: [1A] prima allentare il grano del fermo di sicurezza, servendosi della chiave a brugola da 2 mm, e [1B] poi, con una chiave a brugola da 4 mm e una chiave inglese da 6 mm, si deve svitare la barra che tiene in posizione le pastiglie.
alt
1. Nella pinza posteriore dell’impianto frenante BSS le pastiglie sono vincolate nella loro sede grazie a [A] un’asse bloccato da un dado autofilettante e dotato di un ulteriore [B] fermo di sicurezza. Pertanto, per procedere con la loro estrazione, bisogna: [1A] prima allentare il grano del fermo di sicurezza, servendosi della chiave a brugola da 2 mm, e [1B] poi, con una chiave a brugola da 4 mm e una chiave inglese da 6 mm, si deve svitare la barra che tiene in posizione le pastiglie.
alt
1. Nella pinza posteriore dell’impianto frenante BSS le pastiglie sono vincolate nella loro sede grazie a [A] un’asse bloccato da un dado autofilettante e dotato di un ulteriore [B] fermo di sicurezza. Pertanto, per procedere con la loro estrazione, bisogna: [1A] prima allentare il grano del fermo di sicurezza, servendosi della chiave a brugola da 2 mm, e [1B] poi, con una chiave a brugola da 4 mm e una chiave inglese da 6 mm, si deve svitare la barra che tiene in posizione le pastiglie.
alt
2. Una volta estratti sia il blocco di sicurezza sia la barretta, è possibile sfilare le pastiglie dalla loro sede. Se necessario, ci si può servire della punta un cacciavite per tirare le pastiglie direttamente dall’asola attraverso la quale passa il perno di fissaggio, come mostrato nel video.
alt
alt
Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana
9
Esplora questi e tanti altri
contenuti premium
Vai al Magazine