Scegli la lingua.
TKART magazine Must Have | 4 attrezzi specifici per la perfetta gestione (e manutenzione) del tuo motore Rotax MAX
Exclusive Content

4 ATTREZZI SPECIFICI PER LA PERFETTA GESTIONE (E MANUTENZIONE) DEL TUO MOTORE ROTAX MAX

Jacopo Colombo
13 Febbraio 2024 • 4 min. lettura

Alla base del successo commerciale e della diffusione globale dei motori Rotax MAX vi è, senza ombra di dubbio, la gestione facilitata, in termini di manutenzioni e revisioni periodiche, offerta da questi propulsori. Una caratteristica che, inoltre, ha garantito maggiore accessibilità al karting, permettendo anche ai meno esperti di approcciarsi al nostro sport. Bisogna sottolineare, però, che, pur necessitando di minori attenzioni rispetto ai motori Direct Drive e Shifter (di tipo OK e KZ, per esempio), come tutti i propulsori 2 tempi anche i motori Rotax MAX hanno bisogno delle dovute cure da applicare mediante una precisa cadenza periodica degli interventi di manutenzione. Per operare al meglio queste operazioni, oltre a un’apposita strumentazione e una buona conoscenza di base delle dinamiche interne di un propulsore, può rivelarsi utile disporre di attrezzi che vi permetteranno di facilitare i vari passaggi, garantendovi di operare con più semplicità e precisione, risparmiando, inoltre, un mucchio di tempo! Ne abbiamo individuati quattro, specifici per i motori Rotax Max, per una spesa totale inferiore a 150 euro. Scopri quali sono.

Nota della redazione
Al fine di massimizzare le performance del tuo motore Rotax MAX è fondamentale gestire al meglio anche il carburatore DELLORTO VHSB 34. Come farlo? Con gli attrezzi specifici indicati nel “Must Have | 5 attrezzi e prodotti specifici per la perfetta gestione del carburatore DELLORTO VHSB 34 dei motori Rotax MAX”.


N.B. Conosci altri prodotti che pensi possano rientrare in questa selezione? Condividili con gli altri utenti di TKART nella sezione “Contributi” a fine articolo. La community te ne sarà grata!

Advertisement
1

Attrezzo blocca frizione

Nei motori ad avviamento elettrico TaG (Touch and Go”), proprio come i motori Rotax MAX, la frizione è uno dei componenti interni sottoposti a maggiore usura. Per questo motivo, pulire e revisionare con una precisa cadenza periodica questo elemento (orientativamente ogni 3-4 giornate di utilizzo in pista) vi metterà al riparo da spiacevoli sorprese, sia per quanto concerne la sua durata nel tempo sia da un punto di vista regolamentare, in quanto il regolamento tecnico del Rotax MAX Challenge (il campionato monomarca promosso proprio dall’azienda austriaca) prescrive misure minime da rispettare per questo componente, oltre le quali vi è il rischio di incorrere in squalifiche. L’articolo che vi proponiamo faciliterà, di molto, le operazioni di verifica della frizione del vostro motore Rotax MAX (insieme ai prodotti indicati nel “Must Have | 4 attrezzi utili per la revisione della frizione”). Questo attrezzo, infatti, permette di bloccare la frizione, facilitando soprattutto la fase di svitamento del dado che tiene fissata tutta la struttura (comprendente il pignone e la copertura della frizione stessa) al motore. Come utilizzarlo? Semplicemente facendo aderire i denti dello strumento a quelli presenti nella porzione più esterna del “pacco frizione”, in tal modo si crea un blocco della rotazione che permette di sganciare facilmente il dado di fissaggio della frizione stessa. 

Prezzo indicativo


Circa 34 euro (IVA inclusa)

Per comprare: wildkart.it
Photo credit Wildkart

Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana
Esplora questi e tanti altri
contenuti premium
Vai al Magazine