Scegli la lingua.
TKART magazine Prima Analisi | ALFANO 7: la dashboard per la raccolta dati del kart di Alfano ora è anche wireless
Exclusive Content
alt

ALFANO 7: LA DASHBOARD PER LA RACCOLTA DATI DEL KART DI ALFANO ORA È ANCHE WIRELESS

Jacopo Colombo
07 Luglio 2024 • 12 min. lettura

Un progetto nato nel 2022, concluso nel 2023 e che ha portato al lancio sul mercato a partire da febbraio 2024. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sull’ultimo data logger della casa costruttrice belga, ricco di novità e - future - espansioni

Advertisement
LO STRUMENTO
IL SISTEMA GPS
LA PERSONALIZZAZIONE
ESPANSIONI E PACK
IL PARERE
SCHEDA TECNICA

Dal punto di vista strutturale, Alfano 7 è realizzato in un materiale composito formato da un tecnopolimero ABS rinforzato in fibra di vetro, una scelta già applicata alla maggior parte dei prodotti realizzati dall’azienda belga. Al centro della struttura, la cui forma è molto simile a quella di Alfano 6 (per approfondire, ti consigliamo “Prima Analisi | Alfano 6, la telemetria per kart iper-personalizzabile”), troviamo [1] il display da 4 pollici RGB (128 x 268 pixel), in plexiglass, che permette la visualizzazione di diverse informazioni, tra le quali il tempo sul giro, gli RPM, la temperatura dell’acqua, il delta time rispetto al proprio miglior crono assoluto della sessione e il numero di giri percorsi nella sessione corrente. Per rendere visibili i dati in ogni condizione, lo schermo dispone di un sistema di retroilluminazione, modificabile nel colore e nell’intensità. Quest’ultima si autoregola grazie a [2] un sensore di luminosità ambientale che ne varia automaticamente la fosforescenza. Subito sopra lo schermo, sono posizionati 8 LED. I [3] sei centrali (che compongono il “Sistema 6 LED”), personalizzabili sia nei colori sia nei valori di attivazione, vengono utilizzati principalmente per indicare gli RPM per il cambio marcia, seppur possano essere impostati, in base alla schermata di gara utilizzata, per segnalare altre informazioni. I [4] due più laterali, che fungono da segnalatori di allarme, anch’essi personalizzabili e impostabili come più si preferisce, invece si attivano se e quando i valori di temperatura, rilevati dagli appositi sensori, sono troppo alti o troppo bassi rispetto a quelli prefissati. Nella parte bassa dello strumento, poi, è presente un ulteriore [5] indicatore LED, definito “di stato”, il cui compito è quello di indicare informazioni secondarie, come quelle relative alla ricarica della batteria (segnalando se il sistema è in carica o meno) o lo stato di invio dei dati dalla dashboard all’applicazione.

alt
Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana
1
Esplora questi e tanti altri
contenuti premium
Vai al Magazine