Scegli la lingua.
TKART magazine Come Fare a | Assetto del kart: consigli base per principianti
Exclusive Content

ASSETTO DEL KART… CONSIGLI BASE PER PRINCIPIANTI

TKART Staff
10 Marzo 2020
alt
alt alt
Advertisement
INTRO
Se c’è un argomento riguardante il kart potenzialmente infinito, e per certi versi anche complicato, è senza dubbio l’assetto. Perché, per quanto a prima vista possa sembrare un mezzo semplice, in realtà il go-kart ha tante regolazioni che possono modificarne il comportamento, così come tante sono le variabili che incidono sulle scelte ideali da compiere: dalle caratteristiche della pista e il tipo di asfalto, alle condizioni meteo, il motore che si utilizza, fino allo stile di guida del pilota. In diverse occasioni, qui su TKART, abbiamo lasciato la parola agli esperti per dare consigli su tante di queste variabili, spiegando anche come analizzare la telemetria per regolarsi di conseguenza. Molto spesso, però, chi scende in pista non ha tutti i mezzi a disposizione, né la preparazione, per approfondire così tanto l’analisi e agire di conseguenza. Oppure, semplicemente, ha solo voglia di divertirsi in pista, sistemando velocemente il kart magari non con il migliore degli assetti possibili, ma quel tanto da poter guidare senza problemi e con soddisfazione. Ecco, allora, per tutti questi piloti, e specialmente per quelli alle prime armi, 6 consigli per scegliere il setup di base più corretto in ogni circostanza.
alt
1 GUARDA LA PISTA
La prima considerazione da fare riguarda il tipo di pista sulla quale ci si trova: avere a che fare con un tracciato tecnico, con tante curve strette e brevi rettilinei, è logicamente ben diverso rispetto a dover affrontare curve veloci seguite da rettilinei più lunghi. Sono queste caratteristiche che richiedono al mezzo “esigenze” diverse per massimizzare la prestazione in ogni situazione specifica: una pista lenta, che presenta curve in sequenza da percorrere principalmente a bassa velocità, premierà un mezzo reattivo e veloce nei cambi di direzione, con un’ottima motricità per uscire rapidamente dalle curve. Al contrario, con una pista veloce è più adatto un mezzo stabile, poco nervoso e dotato di maggiore velocità di punta.
alt
alt
Continua a leggere l'articolo abbonandoti a soli 0,96 € / settimana
21
Esplora questi e tanti altri
contenuti premium
Vai al Magazine